10 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 08.15
Palermo

Dal 10 al 13 Ottobre

Palermo: la Targa Florio Classica ai nastri di partenza

9 Ottobre 2019

La Targa Florio Classica è ai nastri di partenza.

L’evento, atteso da tutti gli appassionati delle auto historic e realizzato da Automobile Club Palermo e Automobile Club Italia, attraverso ACI Sport e con il supporto di ACI Storico, partirà domani dalla bellissima location di Piazza Verdi a Palermo, che ha già ospitato la partenza della 103^ edizione vinta dall’equipaggio Campedelli-Canton.

Quattro giorni di gara, che prevedono 630 chilometri tra storia, cultura, motori e cronometri, suddivisi su tre tappe più una aggiuntiva. Un viaggio retrospettivo nella Sicilia dei motori, quella di Vincenzo Florio, e di quanti oggi ne conservano le memorie e le emozioni.

Ferrari tribute, Targa FlorioUna della grandi novità dell’edizione 2019 sarà il Targa Florio Legend, competizione a cui potranno partecipare vetture prodotte dal 1978 al 1990. Inoltre la corsa automobilistica siciliana prevede il “Ferrari tribute”, un evento che renderà omaggio alle auto prodotte dalla scuderia del cavallino rampante.

Su Palermo si concentreranno le attenzioni della vigilia al Museo Storico dei Motori e dei Meccanismi, affiliato ACI Storico, del sistema museale dell’Università di Palermo, sede del villaggio degli sportivi, e Piazza Verdi nel centro del capoluogo palermitano.

Da giovedì 10, i piazzali dell’ateneo diventeranno una sorta di moderno paddock, dove gli equipaggi si appresteranno alle verifiche e punzonature delle vetture. Nel tardo pomeriggio di giovedì, sarà la cerimonia di partenza ad aprire l’evento: lo show che tradizione vuole con le auto e i piloti schierati di fronte e tutt’attorno al Teatro Massimo nel luogo di partenza della Targa Florio Classica, quindi la parata nelle vie del centro di Palermo.

La seconda giornata di gara di venerdì 11 sarà dominata dalla Targa Florio Classica“, una competizione impegnativa e appassionante che si estende per circa 360 chilometri, dislocati  fra Palermo e l’agrigentino, per poi far ritorno nel capoluogo siciliano in serata. Il tracciato prevede il passaggio nel “cuore” della Conca d’Oro di Corleone, l’attraversamento della zona dei Monti Sicani ed i suoi centri di Chiusa Sclafani e la “Città delle Arance” di Ribera per arrivare alla ristoratrice pausa al Castello Chiaramonte di Siculiana.

A metà del percorso della seconda giornata della “Cursa” è previsto il passaggio presso la Valle dei Templi di Agrigento, il parco archeologico più grande al mondo. La Sicilia è un’alchimia di emozioni sensoriali ben tratteggiati dagli autori agrigentini più importanti del XX secolo: Luigi Pirandello, Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Leonardo Sciascia e Andrea Camilleri, dotto scrittore e drammaturgo recentemente scomparso nel mese di luglio. Nelle ore pomeridiane, saranno Cianciana, Regalgioffoli e Caccamo i centri che precedono Casteldaccia, ove è prevista la cena alle Cantine Duca di Sala Paruta. L’arrivo di tappa è previsto alle 22 al Museo Storico dei Motori e dei Meccanismi di Palermo

Terza tappa è la giornata di sabato 12 che permetterà di rivivere l’epopea delle sfide motoristiche sul medio circuito della Targa Florio. Lo scenario non può che essere quello rappresentato da “Floriopoli” e dalle tribune di Cerda, emblematici passaggi nella storia della “Cursa”.

Duecentosettanta chilometri di tappa, comprendendo i tradizionali passaggi di Caltavulturo, Polizzi Gerosa, Collesano e Campofelice di Roccella. Quindi la “ronde” di Cefalù, con sosta pranzo al Sea Palace tra i siti riconosciuti Patrimonio Unesco, quindi Gibilmanna, Lascari e  Gratteri e rientro a Palermo passando per Termini Imerese, ripercorrendo la costa.

Domenica 13 è la giornata conclusiva dell’evento, con in evidenza la rievocazione del Circuito della Favorita, ultimo impegno la cui partecipazione è facoltativa per i concorrenti e non influenzerà la classifica della gara di regolarità valida per il Campionato Italiano Grandi Eventi, neppure quella della Targa Florio Legend.

Si svilupperà in un tracciato da circa 35 chilometri, punteggiato da nove prove cronometrate, due controlli orari ed un controllo a timbro, con passaggio da Real tenuta della Favorita, dalla Palazzina Cinese ed arrivo in Piazza Verdi a Palermo per la cerimonia di premiazione.

 

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.