15 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.01
Palermo

L'INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE SUSINNO

Palermo: Passante Fs, mistero sul progetto della strada tra viale Francia e via Ugo La Malfa | FOTO

9 Settembre 2019
© ilSicilia.it
via Monti Iblei
via Monti Iblei
via monti iblei
Tratta B,via Monti Iblei-Belgio (rendering)

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Come ha anticipato ilSicilia.it (LEGGI QUI), la SIS ha ormai deciso di lasciare definitivamente il cantiere del Passante Ferroviario. Il contenzioso con le RFI si è chiuso nel peggiore dei modi, lasciando Palermo in balia di un appalto incompleto.

E dopo 11 anni di lavori, tra presunte infiltrazioni mafiose, varianti, imprevisti geologici e guerre a colpi di carte bollate in Tribunale, un nuovo guaio per la città: lo “smobilitamento” dei cantieri sia a Notarbartolo che a Belgio (dove la talpa TBM “Marisol” ha scavato il tunnel in tempi record) sta lasciando un ulteriore mistero: la via Monti Iblei – che da progetto originario doveva essere resa “verde”, in realtà sarà ripristinata senza aree verdi. Tra via Monte San Calogero e viale Francia rimarrà a senso unico, con una strana rientranza.

A confermarlo Marcello Susinno, Consigliere Comunale di Sinistra Comune, che nei giorni scorsi ha posto un’interrogazione a Palazzo delle Aquile: «Nuovo mistero sul progetto di prolungamento viario di Viale Francia e Via Ugo La Malfa: su alcune aree espropriate e consegnate al Comune non se ne sa nulla».

«La questione non è di poco conto – denuncia Susinno – perché così si rischia di fare inceppare la macchina relativa alla realizzazione dei lavori inerenti e connessi il prolungamento Viario Viale Francia a Via Ugo La Malfa. In passato casi del genere hanno determinato contenziosi durati pure decenni. L’area in questione, dove dovrebbe sorgere il prolungamento viario, è stata regolarmente espropriata in favore del Comune, con tanto di verbale di consegna sottoscritto nel mese di Gennaio 2019; ma dal Comune non se ne sa nulla. Anzi da un’apposita mia interrogazione – dice Susinno – mi si riscontra che “non risulta che le aree espropriate siano state oggetto di consegna all’Amministrazione comunale”. L’esito dell’atto ispettivo è giunto anche sui tavoli dei vertici di Italferr – dice Susinno – e non ho difficoltà nel pensare che il contenuto del riscontro stia creando un certo imbarazzo rispetto ad una questione che è stata definita con tanto di verbale sottoscritto agli inizi dell’anno.

Marcello Susinno
Marcello Susinno

Non capisco cosa succede – si chiede Susinno – il tema non è di poco conto proprio perché in questi giorni si stanno definendo i dettagli per procedere all’affidamento dei lavori di realizzazione di detto prolungamento stradale nonché di tutti i lavori connessi relativi alla sistemazione a verde della viabilità compresa tra la via Nuova e la Via Stazione San Lorenzo. E pertanto – conclude – necessario chiarire il tutto in tempi strettissimi».

Ma non finisce qui.

Il progetto della cosiddetta “Variante Tratta B Notarbartolo-La Malfa” approvata nel 2008 dal Consiglio Comunale (n° 524 del 05/08/2010) prevedeva una prescrizione importante che il Comune di Palermo ha completamente “dimenticato”: avrebbe dovuto mettere mano all’Accordo di programma (tra Comune e RFI) per la creazione di un nuovo asse interno, sopra l’ex sedime ferroviario ormai interrato, per una nuova strada parallela e alternativa al Viale Regione Siciliana.

Una nuova arteria – come scrive Palermo in Progress «in prolungamento con viale delle Alpi, realizzi fino a via Tranchina un asse di penetrazione urbana che va ad affiancarsi all’asse Strasburgo-Empedocle Restivo-Sciuti-Terrasanta».

A distanza di 11 anni, però, nulla di tutto ciò è avvenuto finora.

 

 

LEGGI ANCHE:

Passante Ferroviario: dopo 11 anni la Sis lascia Palermo, strappo definitivo con Rfi

Nuova tangenziale di Palermo, il progetto dimenticato nella città ostaggio del traffico

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.