12 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 15.40
Palermo

la denuncia delle associazioni

Palermo, pericoloso impianto elettrico “irregolare” dentro il campo rom del Parco della Favorita |FOTO

4 Luglio 2018
'
'
'
'
'
'

PALERMO – Torna a fare discutere il campo rom del Parco della Favorita, proprio qualche giorno fa fu data notizia, dopo un incontro tra il sindaco Leoluca Orlando, l’assessore alle Attività Sociali Giuseppe Mattina e una delegazione dei rom, che presto avranno un alloggio altrove. Sarà, infatti, un capitolo dei soldi del Pon metro, dedicato a questo scopo, ad assicurare i percorsi abitativi. L’idea sarebbe quella di portare a compimento la procedura entro  dicembre del 2019.

Intanto, lassociazione comitati civici Palermo, pone nuovamente all’attenzione dei responsabili della Pubblica amministrazione, l’impianto elettrico fatiscente “non realizzato nel rispetto delle normative vigenti all’interno del campo nomadi della Favorita e quindi irregolare“.

Infatti – sottolinea L’associazione – i cavi elettrici, di diversa dimensione, che si dipartono da un contatore Enel, collocato all’esterno, a ridosso dell’ingresso di villa Castelnuovo in via del Fante, si introducono all’interno del campo legati in modo approssimativo agli alberi di eucalipto e sparsi sulla terra, come ben evidenziano le foto allegate.

Se pensiamo agli obblighi a cui devono sottostare gli impianti elettrici, in materia di certificazione CEE, in base alla legge 46/90 con le conseguenti dichiarazioni di conformità assolutamente obbligatorie, ci chiediamo come mai non si fa nulla affinché venga tutelata l’incolumità pubblica.

Se dovesse accadere qualche disgrazia per elettrocuzione, vista la presenza di un insediamento in quell’area e visto il groviglio di fili non a norma sparsi sul terreno ed esposti alle intemperie, chi ne sarebbe responsabile? E chi pagherebbe le conseguenze che inevitabilmente ricadrebbero sulla comunità all’interno del campo, tenuto conto anche della presenza di numerosi bambini?

Le associazioni chiedono dunque che “vengano forniti i chiarimenti dovuti per questa situazione anomala che, ribadiamo, è stata più volte inutilmente segnalata da questa Associazione, e la messa in sicurezza, quantomeno, dell’impianto, al fine di evitare pericoli per la pubblica incolumità“.

 

 

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.