19 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 22.48
Palermo

presenti delegazione da Padula, New York e del governo nazionale italiano

Palermo ricorda Joe Petrosino, icona della legalità che ha fatto la storia | Video interviste

12 Marzo 2019

Guarda le video interviste in alto

Da Padula a New York fino in Sicilia per sconfiggere il malaffare: la storia e la figura di Joe Petrosino, poliziotto italiano naturalizzato statunitense, rimangono vive nel tempo per il segno che quest’uomo lasciò nella storia con le sue intuizioni

Per il 110° anniversario dalla morte, avvenuta a Palermo il 12 marzo 1909 al capolinea del tram, allora, di piazza Marina, a testimonianza di una memoria ancora viva, sono giunte in città le Associazioni Joe Petrosino di Padula e di New York, con rappresentanti del Dipartimento di Polizia di New York (NYPD).

Anna Maria Corradini
Anna Maria Corradini

Ricordare Joe Petrosino – ci ha detto nella video intervista Anna Maria Corradini, presidente dell’Associazione J. Petrosino con sede in Sicilia – è doveroso perché la sua figura è stata fondamentale per lo svolgimento delle opere investigative che lo stesso Giovanni Falcone prese a modello. Lui creò il primo pool antimafia, fortemente voluto da Theodor Roosvelt, e anche la figura del poliziotto in borghese. Egli capì, per primo, i legami tra le mafie delle diverse parti del mondo“.

Intelligenza brillante e uomo d’azione, Petrosino è rimasto nella storia come icona della legalità e dell’affermazione dei principi legati alla lotta contro tutte le mafie. Nell’ottica di voler promuovere e sottolineare l’importanza per l’intera comunità di figure cosi emblematiche nella diffusione di valori positivi, per la prima volta a Palermo, in occasione della commemorazione, era presente una rappresentanza del Governo nazionale, il sottosegretario al Ministero dell’Interno Stefano Candiani.

Stefano Candiani
Stefano Candiani

È una responsabilità importante ricordare Joe Petrosino – ha dichiarato Stefano Candianiperché a distanza di anni la forza di quella lettura resta valida. Noi oggi dobbiamo essere determinati, la sua forza è la stessa che ci spinge ancora oggi ad essere determinati contro la mafia, spogliando i mafiosi dei loro beni“.

L’Associazione Joe Petrosino Sicilia quest’anno ha riproposto il premio omonimo, destinato a personalità della cultura, della scienza, dello spettacolo, dell’imprenditoria, che si siano distinte nella promozione e nella divulgazione culturale educativa dei principi della legalità, assegnato al pittore Pippo Madè.

La cerimonia, moderata da Alberto Samonà, direttore de ilSicilia.it, iniziata nella Sala Petrosino dell’Ersu nell’ex Hotel de France dove il poliziotto alloggiò fino al giorno del delitto, si è conclusa a Piazza Marina, all’interno del Giardino Garibaldi dove, alla presenza delle Associazioni e del sindaco Leoluca Orlando, è stata deposta una corona di fiori nel luogo esatto, per la prima volta, dove avvenne l’omicidio; qui inoltre è stata scoperta un’opera d’arte che lo stesso Madè ha realizzato in memoria di Petrosino.

Guarda la fotogallery in basso 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.