22 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 08.30
Palermo

il monito del santo padre

Papa Francesco: “Non si può credere in Dio ed essere mafiosi”

15 Settembre 2018

Chi è mafioso non vive da cristiano perchè bestemmia in Dio“, il monito di Papa Francesco è stato deciso ma temperato dalla consueta voce conciliante che lo contraddistingue. In bocca a qualcun’altro avrebbe potuto avere il sapore di un anatema ma il modo di comunicare di Bergoglio è un’altra cosa.

Ancora prima che ne pronunci il nome, tutti sanno che il ricordo del Santo Padre è rivolto a padre Pino Puglisi, il parroco assassinato dalla mafia il 15 settembre del 1993.

Don Pino non viveva di appelli antimafia, ma seminava il bene“. “Sembrava vincente la logica del portafoglio, ma aveva ragione lui”, poi ribadisce il concetto: “Non si può credere in Dio ed essere mafiosi, chi è mafioso non vive da cristiano perché bestemmia il nome del Dio amorevole. Abbiamo bisogno di uomini e donne d’amore, non di uomini e donne d’onore”.

E poi un messaggio ai mafiosi: “Cambiate fratelli e sorelle, smettete di pensare a voi stessi e ai vostri soldi. convertitevi al vero Dio, Gesù Cristo”.

“Se non fate questo la vostra vita stessa andrà persa e sarà la peggiore delle sconfitte”. Poi, riferendosi ancora a don Puglisi: “Venticinque anni fa come oggi, quando morì nel giorno del suo compleanno, coronò la sua vittoria col sorriso, con quel sorriso che non fece dormire di notte il suo uccisore, il quale disse che ‘c’era una specie di luce in quel sorriso. Una luce gentile. Abbiamo bisogno di tanti preti del servizio “.

Il Santo Padre non è solo un abile comunicatore ma uno che non le manda a dire e probabilmente, in risposta ad uno striscione appeso da qualcuno che invoca un rinnovamento della Chiesa, ha aggiunto: “(…) Che cosa possono fare per gli altri, per la Chiesa? Non aspettare che la Chiesa faccia qualcosa per te, comincia tu. Non aspettare la società, inizia tu. Non pensare a te stesso, non fuggire dalla tua responsabilità”.

“Ecco la mentalità vincente, ecco la vittoria della fede, che nasce dal dono quotidiano di sè, ecco la vittoria della fede, che porta il sorriso di Dio sulle strade del mondo. Ecco la vittoria della fede, che nasce dallo scandalo del martirio”.

Foto in alto tratta da VATICAN NEWS https://www.vaticannews.va/it/papa/news/2018-09/papa-francesco-palermo-santa-messa.html

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

L’Urbanista e il Ghostwriter

Sono cinquant’anni che percorro le stesse strade nella stessa città e quello che da sempre mi salta in mente è la piena considerazione che non sono i fabbricati a cambiare, ma è la gente e soprattutto il loro modo di vivere.
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.