12 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.15

l'esponente di Fi rende merito all'assessore

Papatheu: “Appalti più rapidi e trasparenti in Sicilia, Falcone merita un plauso”

12 Luglio 2019

“Il via libera dell’Assemblea Regionale Siciliana alla riforma della normativa regionale sugli affidamenti pubblici pone fine alla stagione dei ribassi anomali e segna una svolta nella regolarità e nell’efficacia delle procedure degli appalti pubblici con ampie ricadute per i nostri territori abbandonati “. Lo afferma in una nota la senatrice di Forza Italia, Urania Papatheu.

“Di questa svolta – evidenzia in una nota l’esponente siciliana del partito azzurro va dato atto all’assessore Marco Falcone che merita un grande plauso da parte di tutti noi perché ancora una volta ha dimostrato di sapere risolvere i problemi e la cui azione concreta e incisiva rispecchia la politica del fare di Forza Italia”.

L’impegno di Falcone, con ampio consenso trasversale dell’Ars – afferma Papatheu -, ha reso finalmente possibile dopo 20 anni di attesa la necessaria modifica dei criteri di aggiudicazione delle gare in Sicilia con l’esclusione di ogni zona d’ombra riconducibile ai meccanismi di prevedibilità e limitando così i ribassi eccessivi consentiti dalla legge nazionale. La norma consentirà aggiudicazioni più rapide degli appalti in un quadro di trasparenza che farà il legittimo interesse di tutte le imprese, a partire da quelle medie e piccole, consentendo opere pubbliche da realizzare nelle giuste condizioni di sicurezza e qualità”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.