19 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.05
Catania

l'esponente di Fi interviene sul default etneo

Papatheu: “Catanesi svegliatevi! Berlusconi stanziò un miliardo per la città”

22 Maggio 2019

Il Governo gialloverde ignora la drammatica situazione di Catania, dove il dissesto ha portato al blocco dei servizi sociali. E’ inaccettabile che a pagare questa situazione debbano essere le fasce deboli”. Lo afferma la senatrice di Forza Italia, Urania Papatheu, che  ha incontrato il Prefetto di Catania, Claudio Sammartino, per affrontare le molteplici criticità legate al dissesto del Comune di Catania.

Papatheu vuole vederci chiaro sugli sviluppi del default etneo ed in particolare prende posizione contro “lo stop ai servizi essenziali per 700 disabili e anziani”: per questo preannuncia, con urgenza, la presentazione di una nuova interrogazione parlamentare sul caso, che farà seguito ad un’altra già posta all’attenzione del Governo dall’esponente del partito di Berlusconi lo scorso novembre.

“Nel 2008 – afferma la Papatheu – il premier Silvio Berlusconi stanziò 140 milioni di euro per l’emergenza finanziaria a Catania, e prima ancora, nel 2002, vennero destinati sempre dal presidente Berlusconi altri 850 milioni per mettere in sicurezza Catania dai rischi sismici e risolvere problematiche come l’emergenza traffico. Oggi assistiamo invece all’inerzia totale del Governo M5S-Lega sui necessari aiuti alla Città di Catania, umiliata e abbandonata al suo destino agonizzante. Ci sarà tempo e modo per accertare come si è arrivati a 1,6 miliardi di debiti e chi ha sprecato le risorse date dai Governi Berlusconi, ma le colpe della politica non devono ricadere su disabili, anziani e bambini. I catanesi aspettano, intanto nessun Salva Catania promesso è mai stato approvato. Dico ai catanesi: svegliatevi e riprendetevi il futuro”.

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.