13 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.37

la senatrice conferma la fiducia a Miccichè

Papatheu: “Europee devono unire Forza Italia per difendere il Sud”

13 Maggio 2019

Le elezioni europee del 26 maggio non devono dividere Forza Italia ma unirla. Mentre il Paese è ostaggio di un Governo inadeguato e dell’incapacità del Movimento Cinque Stelle, Forza Italia deve dare continuità a quel percorso che con la leadership di Gianfranco Miccichè ha portato il partito in Sicilia al 21% quando alcuni già ne annunciavano il “de profundis”. Lo afferma la senatrice di Forza Italia, Urania Papatheu.

L’esponente siciliana del partito azzurro difende la linea di Miccichè e, nel confermargli la sua fiducia, lancia bordate a chi contesta il massimo esponente di FI nell’isola.

“Le Amministrative di queste ore, con i successi ai ballottaggi di Gela e Mazara del Vallo, confermano l’importanza di alcune scelte di Forza Italia in Sicilia: o secondo qualcuno l’alternativa dev’essere l’alleanza con il M5S con la complicità della Lega? Chi vuole scegliere altre strade è libero di farlo ma è tutto da dimostrare che si tratti di percorsi con idee, valori e prospettive migliori. Forza Italia vuole difendere il Sud e soprattutto i Siciliani in un’Europa dove non c’è differenza tra Palermo, Catania e Messina, mentre necessita di una rappresentanza siciliana coesa e unita dagli stessi intenti. Per questo dobbiamo essere uniti e lottare insieme per la nostra Sicilia”.

Il nemico non può essere certo Miccichè – continua Papatheu – , l’avversario da sconfiggere è il M5S, che ha umiliato il Sud con le sue scelte scellerate e ha ingannato i siciliani con il becero bluff del reddito da divano che in molti hanno già rinunciato. Noi di Forza Italia non abbiamo mai derogato con i nostri alleati e coerenza, rispetto della persona e soprattutto presunzione d’innocenza continuano a valere sempre e per tutti”. 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Una Mattina Diversa

Carissimi, erano quasi le ore 20.00 quando al mio congestionato telefonino mi giunse una telefonata da un numero al quale non potevo non rispondere. La voce era quella del segretario particolare del segretario del grande capo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.