18 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.02
Palermo

Per i prossimi 10 mesi, lo scavo di 2 km di galleria "Notarbatolo-Belgio" sulla Tratta B

Passante, “Marisol” è pronta a partire. Da luglio la talpa Tbm scaverà il tunnel Notarbartolo

22 Giugno 2017

Tbm Marisol - Notarbartolo, Passante FS

Tutto pronto per l’inizio della scavo. La TBM “Marisol, la talpa meccanica che la Sis impiegherà per il tunnel ferroviario “Notarbartolo-Belgio”, è pronta a partire. «Stiamo facendo gli ultimi collaudi propedeutici allo scavo, in modo da poter iniziare i primi di luglio. Faremo sicuramente una piccola cerimonia di avvio». A rivelarlo l’ingegnere Filippo Palazzo di Rfi.

Superate tutte le prescrizioni dell’Arpa, relative allo smaltimento delle rocce da scavo, adesso si può finalmente iniziare a fare sul serio. L’Ufficio Traffico ha già pubblicato una nuova ordinanza per consentire agli automezzi impiegati nel cantiere Notarbartolo di poter circolare liberamente su via Domenico Cimarosa, «considerato che l’avvio dello scavo – si legge nell’ordinanza – comporterà un costante transito di autocarri per e dai luoghi di conferimento del materiale estratto». 

Così nel tratto tra via Malaspina e via Boito sarà istituito, da lunedì 26 giugno al 22 dicembre 2017, il divieto di sosta, in modo da consentire il via-vai costante dei mezzi. Il tratto da scavare per la precisione è lungo 1.978,50 metri (quasi 2 km), mentre il volume geometrico totale del materiale scavato sarà di 140.000 metri-cubi. Il tempo di scavo stimato è di 10 mesi con un avanzamento medio presunto di 6,6 metri al giorno.

Cabina di comando Talpa TBM "Marisol"
Cabina di comando Talpa TBM “Marisol”
Santa Barbara nella Talpa TBM "Marisol"
Santa Barbara, protettrice degli edili
Talpa TBM "Marisol"
Testa della Tbm “Marisol”
Talpa TBM "Marisol"
Coda della Tbm “Marisol”

Ad ogni passo di 1,5 metri riveste la galleria con dei conci prefabbricati in calcestruzzo armato, «realizzati a Potenza. Ogni “anello” di tunnel è composto da 7 conci. Al momento, la testa fresante (cioè lo scudo rotante che scaverà il tunnel ferroviario, ndr) è posto a 140 metri dall’imbocco della galleria, cioè a 10 metri dal fronte di scavo».

La talpa “Marisol” ha un diametro di 9,40 metri, è lunga 130 metri e pesa 1.200 tonnellate. È avanzata “a vuoto” rivestendo finora i primi 150 metri di galleria Notarbartolo-Belgio (con scavo  tradizionale).

Il materiale di risulta estratto sarà convogliato su dei nastri trasportatori e poi verrà destinato a una cava di Sferracavallo, (cava Impisu). Il “laghetto” di Tommaso Natale (cava Troìa) invece è già stato riempito e sarà destinato a suolo pubblico, con sistemazione a verde.

 

Gli edifici di vicolo Bernava (01.12.2015)
Gli edifici di vicolo Bernava (01.12.2015) © D. G.

Intanto, sul fronte di vicolo Bernava, Rfi sta procedendo alle stime immobiliari dei 5 palazzi da demolire.  «Terremo conto dei prezzi di mercato. Se il valore dell’esproprio non piacerà ai proprietari degli appartamenti – aveva rivelato l’ingegnere Filippo Palazzo a ilSicilia.it – potranno opporsi all’indennità facendo ricorso alla Cassa Depositi e Prestiti. Sarà poi un giudice a decidere».

Insomma si preannunciano nuove battaglie legali. «Rfi, tramite Italferr – conclude Palazzo – si farà carico degli espropri immobiliari. Che io sappia, finora nessuno sembra aver presentato ricorso all’ultimo avviso pubblicato da Italferr». Dopo l’estate, probabilmente a settembre, partiranno le demolizioni.

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.