26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.28

Per Spicola bisogna fare il congresso al più presto

Pd: “Basta con la ricerca del responsabile”. Intervista a Mila Spicola | Video

16 Luglio 2018

Dice basta alla ricerca del responsabile, che si trascina ormai dal giorno della sconfitta sul referendum costituzione del 4 dicembre 2016, per passare finalmente all’individuazione degli errori commessi e alla formulazione di una proposta politica condivisa e popolare. E’ questa l’opinione di Mila Spicola, esponente del Partito democratico e unica siciliana a far parte della segreteria di Maurizio Martina.

“Piuttosto che accanirci sul chi, dobbiamo capire come trovare una linea una linea comune, trovare una sintesi e offrirla ai cittadini. Questa è la cosa più difficoltosa perchè noi al momento non abbiamo una linea comune”, ha sottolineato. “Il partito deve ritrovare una funzione storica importante, culturale, capire quali sono le classi di riferimento, se ci sono delle classi di riferimento, non avere paura di nominare la parola popolo, perchè mi pare che a via di parlare contro il populismo ci siamo persi il popolo“.

“Ci sono stati errori di coinvolgimento, di partecipazione, di organizzazione del partito”, sottolinea. Sul congresso non ha dubbi, bisogna farlo al più presto. “Questa è una segreteria di transizione, non è una segreteria di proposta politica, la proposta politica si discuterà con le mozioni. Quindi l’energia impieghiamola, come militanti e come dirigenti, per questo”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.