25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.14

Per l'esponente del Pd è "urgente mandare un messaggio di unità"

Pd, Cracolici non usa giri di parole: “Se Renzi è un ostacolo prendiamone atto”

8 Novembre 2017

All’indomani della sonora e bruciante sconfitta elettorale del centrosinistra alle regionali si inasprisce lo scontro in casa Pd. A rilanciarlo con parole chiare e inequivocabili è Antonello Cracolici,  deputato regionale di lungo corso ed ex assessore all’agricoltura del governo Crocetta. “Sarebbe velleitario – dichiara in un’intervista al Giornale di Sicilia – immaginare di mandare via Renzi adesso. Sarebbe folle decapitare un gruppo dirigente a pochi mesi dalle elezioni, un suicidio politico. Pero’ e’ urgente mandare un messaggio di unita’ e se la presenza di Renzi puo’ costituire un ostacolo bisognera’ prenderne atto”.

Una considerazione dura che desta qualche sorpresa, soprattutto perchè arriva da uno dei principali esponenti democratici siciliani che all’ultimo congresso ha sostenuto proprio la candidatura e la rielezione di Renzi a segretario del partito. “Se vogliamo apparire credibili dobbiamo ricostruire un’offerta politica all’insegna dell’unita’. E dobbiamo farlo innanzitutto con le persone con cui abbiamo condiviso una storia politica”.

Che il risultato venuto fuori dalle urne abbia suscitato critiche e malumori all’interno del centrosinistra ed in particolare del Pd era abbastanza scontato ed evidente. Già prima dell’inizio dello scrutinio, con i primi exit poll, c’era stato chi come Davide Faraone, renziano dalla prima ora, aveva tentato di mettere le mani avanti e di individuare nella mancata candidatura del presidente del Senato Pietro Grasso, un capro espiatorio.

Nelle ore successive le analisi si sono sprecate. Da quelle più dure fatte dagli esponenti della sinistra a quelle più caute degli esponenti del Pd. Per Cracolici, però, le responsabilità sono abbastanza chiare. E per individuarle non usa giri di parole. “Si e’ ipotizzato un modello Palermo che era una finzione, perche’ quel modello ha funzionato perche’ c’era un sindaco forte a cui gli alleati si sono accodati. E’ stato un errore credere che fosse esportabile cosi’ come e’ stato un errore non avere impedito nazionalmente la scissione”. 

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.