20 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.57
Messina

Tra gli interventi anche il Palacongressi e un elipista

Per il G7 Taormina cambia volto. Vertice a Roma per partire coi lavori

28 Dicembre 2016

Un vertice a Roma per fare il punto sul G7 di Taormina. Lo ha convocato per gennaio il Ministro della Coesione Territoriale e del Mezzogiorno, Claudio De Vincenti che intende incontrare nella capitale il sindaco di Taormina, Eligio Giardina e il neo-commissario straordinario Riccardo Carpino per un aggiornamento operativo sulla preparazione del summit dei Capi di Stato e di Governo in programma il 26 e 27 maggio a Taormina. Il faccia a faccia nella capitale (data ancora da stabilire) avverrà con molta probabilità dopo la riunione già in agenda per il 10 gennaio a Messina, in Prefettura, dove il Prefetto Francesca Ferrandino ha convocato proprio il sindaco Giardina e che vedrà anche la presenza di Carpino e del ministro plenipotenziario Alessandro Modiano, capo della delegazione italiana al G7.

palacongressi_taormina_0La nomina di Carpino, formalizzata dal Consiglio dei Ministri alla vigilia di Natale, pare destinata ad imprimere l’auspicata accelerazione all’iter per l’avvio dei cantieri, ipotizzabile nel giro di qualche settimana. Ed è in questa direzione che il Consiglio dei ministri ha concesso una deroga finalizzata all’immediato espletamento delle procedure senza dover passare da una lunga trafila di pareri da parte di vari enti ed uffici. La prima opera che dovrebbe scattare nelle prossime settimane concerne il previsto adeguamento e la messa a norma del Palacongressi. L’auditorium di piazza Vittorio Emanuele verrà impiegato a supporto delle strutture alberghiere, per alcune riunioni dei ministri e necessita di un piano di interventi che riesca ad estinguere ataviche criticità come quella dell’impianto di climatizzazione e la scarsa funzionalità degli ascensori. Ma occorrerà soprattutto spostare ai piani superiori i motori che regolano il funzionamento degli impianti, attualmente ubicati nelle zone sotterranee del palazzo. I Vigili del Fuoco hanno espressamente richiesto la risoluzione di questa problematica.

Dovrebbe poi essere realizzata una elipista, anche se non si esclude che venga approntata pure una seconda area. Confermata anche la prevista pavimentazione della via Teatro Greco, che diventerà ideale prosecuzione di Corso Umberto anche in termini prettamente estetici. Dovranno poi essere asfaltate e ammodernate le vie di accesso ed uscita della città, a partire dalla via Garipoli, bretella dell’autostrada A18. Analogo discorso vale per il casello A18 di Spisone. E alla fine dovrebbe rientrare nell’elenco delle cose da fare anche il Parco Giovanni Colonna Duca di Cesarò, il giardino pubblico donato a suo tempo alla città dalla nobildonna inglese Florence Trevelyan, un luogo splendido che da un paio di anni versa in condizioni di assoluto degrado.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.