14 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.43
Palermo

la consigliera comunale aveva annunciato una visita ispettiva

Porte chiuse a Bellolampo, Sabrina Figuccia: “Come mai un simile diniego?”. Arriva anche la denuncia dei residenti | Foto

14 Agosto 2019

 

Guarda in alto le foto

Lo aveva annunciato qualche giorno fa e lo ha fatto, ma Sabrina Figuccia, consigliere comunale di Palermo dell’Udc, ha trovato i cancelli chiusi a Bellolampo, quindi, non ha potuto eseguire la sua visita ispettiva:  “L’amministratore unico di Rap, Giuseppe Norata lo aveva già annunciato, ma al di là delle presunte ragioni di carattere tecnico, viene da chiedersi il perché di un simile diniego di fronte ad un palese diritto, nonché preciso dovere di un consigliere comunale nell’esercizio delle proprie funzioni” afferma Sabrina Figuccia.

Forse qualcuno tenta un po’ maldestramente di nascondere gli scheletri dietro il cancello di Bellolampo“, conclude la Figuccia.

Ma a farne maggiormente le spese sono i residenti “A giugno del 2018 giungeva sulla strada del percolato fuoriuscito dalla vasca di raccolta dello stesso invadendo gli appezzamenti di terreno limitrofi, incluso quello di mia proprietà“, afferma Fabrizio Leone, del comitato Sos Bellolampo.

A seguito dell’accaduto gli operatori Rap hanno tinteggiato le pareti dell’edificio così da mascherare quanto accaduto, nei mesi a seguire l’odore incessante e pestifero di rifiuti ci ha visto costretti a coinvolgere le autorità competenti. Abbiamo chiamato i carabinieri che a seguito di diversi sopralluoghi hanno avviato le indagini che si protraggono tuttora“, aggiunge Fabrizio Leone.

Chiaramente, l’emergenza rifiuti e l’accatastamento degli stessi,  nella sesta vasca, ha cominciato a destare serie preoccupazioni, abbiamo chiesto ad Arpa, a mezzo pec, informazioni sullo stato di salute della stessa che ha risposto: “Nel recente periodo, in seguito alla chiusura della stessa, come comunicato a mezzo stampa, successivamente all’incendio, i rifiuti vengono stoccati all’esterno dell’edificio TMB. Detta area non è impermeabile alle infiltrazioni di percolato”, conclude Fabrizio Leone.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.