14 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.15

La dichiarazione di D'Agostino e Tamajo

Province, Sicilia Futura attacca: “Inutile erogazione di cento milioni da Roma”

8 Aprile 2019

La grave situazione finanziaria in cui si trovano le ex Province siciliane è da ricercare nella drastica riduzione e nell’azzeramento dei trasferimenti statali nonché nel prelievo forzoso operato dallo Stato attraverso il contributo alla finanza pubblica che per il solo 2018 e’ stato di 277,1 milioni di euro, pari al 42% delle uscite degli enti siciliani“. Lo affermano Nicola D’Agostino ed Edy Tamajo, capogruppo e deputato di Sicilia Futura all’Assemblea regionale siciliana.

Ad oggi il disequilibrio finanziario globale delle ex Province in Sicilia, quantificato dal monitoraggio effettuato dal Edy Tamajodipartimento Autonomie Locali della Regione, è pari a 155,4 milioni, quasi il doppio rispetto all’anno precedente quando si assestava a 82,6 milioni – dicono D’Agostino e Tamajo -. Catania e Siracusa hanno uno squilibrio pari rispettivamente a 35,7 e 35,3 milioni di euro, Palermo 23,4 milioni, Trapani 15,7 milioni, Messina 13,5 milioni, Ragusa 11,9 milioni, Enna 8,4 milioni, Caltanissetta 7,5 milioni e Agrigento 3,7 milioni“.

Tale situazione – proseguono – ha compromesso l’erogazione di servizi, in particolare la gestione della rete stradale di competenza, l’assistenza ai disabili, il supporto alle scuole di secondo grado, l’edilizia scolastica e, infine, ha messo in discussione la continuità del rapporto di lavoro dei dipendenti“.

A nulla serve lo stanziamento di 100 milioni di euro annunciato dal sottosegretario all’Economia Alessio Villarosa poiché queste risorse, di fatto, taglieranno gli investimenti per la Sicilia a vantaggio solamente delle spese correnti delle ex Province, ma con fondi insufficienti – proseguono i due deputati regionali –. L’impegno a destinare risorse aggiuntive da parte del governo Conte e’ venuto meno, auspichiamo che il presidente della Regione Nello Musumeci e l’assessore all’Economia Gaetano Armao assumano responsabilmente iniziative affinche’ non si concretizzi un ulteriore scippo a danno della Sicilia che metterebbe la parole fine alla progettazione di molte opere strategiche ed alla stabilizzazione dei precari“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.