17 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.01
Palermo

La Gesap prevede per il 2017 una crescita di passeggeri del 7%

Punta Raisi, in arrivo nuovi voli low cost per Norimberga, Bucarest e Francoforte

3 Marzo 2017

L’aeroporto di Palermo scommette su una crescita dei passeggeri del 7% nel corso del 2017 dopo la crescita dell’8% nell’ultimo anno. Dati superiori alla media nazionale. Sono alcune delle cifre che sono state fornite questa mattina da Natale Chieppa, responsabile Direzione Commerciale e Marketing della Gesap, la società di gestione dello scalo di Palermo, partecipando ad un incontro del Sicilia Convention Bureau all’Hotel La Torre di Palermo.

birgi-ryanairIl manager ha anche fornito alcuni dettagli sulla stagione summer 2017 che sarà presentata a breve. Sono previsti da Punta Raisi nuovi collegamenti con Norimberga e Bucarest effettuati da Ryanair che partiranno a breve e che dureranno per tutto l’anno. Aumenta anche la frequenza del collegamento diretto con New York che passa da 4 a 5 voli a settimana (con un aumento del 40% dei posti disponibili) “frequenze che saranno meglio distribuite nell’arco della settimana”, ha spiegato Chieppa, “e dai primi dati sulle prenotazioni che sono stati forniti da Meridiana queste sembrano andare ancora meglio dello scorso anno”.

Tra le altre novità, inoltre, un nuovo collegamento con Francoforte operato da Condor (partner di Lufthansa), un aumento dell’offerta di Alitalia per Linate (più 10%) e un accordo per due collegamenti al giorno per Malpensa targati Ryanair a partire da settembre.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.