18 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.54
Palermo

Non è durata nemmeno un giorno

Quartiere Cep di Palermo: deturpata la targa posta in memoria di Peppino Impastato

18 Giugno 2019

E’ stata deturpata la targa posta in memoria di Peppino Impastato nelle villetta intitolata allo stesso, sita tra le vie Paladini e Calandrucci, nel cuore del quartiere San Giovanni Apostolo, ex Cep a Palermo.

Il presidente della VI Circoscrizione Michele Maraventano ha indetto una seduta di Consiglio sul posto, alla quale ha partecipato anche la Terza Commissione consiliare, di cui faccio parte” dichiara il consigliere comunale, Massimo Giaconia.

É bene che tutti sappiano che non ci arrenderemo e che continueremo in questo quartiere la nostra lotta per la legalità e contro ogni infamia che sia di stampo mafioso o di semplice atto vandalico” conclude Giaconia.

Circa 13 anni fa in rappresentanza della Presidenza del Consiglio Comunale di Palermo collocammo un cippo con una targa in un giardino che si intesto’ a Peppino Impastato. Qualche anno fa la targa fu rimossa da ignoti” afferma Pino Apprendi che all’epoca era vice presidente del consiglio comunale che aggiunge – ieri l’Amministrazione comunale ha ricollocato una targa che già é  stata vandalizzata. Sono gesti  fatti certamente da scellerati, in un territorio dove manca totalmente ogni controllo. Solidarietà a chi nel territorio ogni giorno si prodiga, volontariamente , ad aggregare i giovani del quartiere“.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.