18 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.55
Palermo

La domanda è: per quanto ancora?

Quel portone chiuso al Palazzo Reale: deputati e portaborse entrano dal piano principale e turisti dal retro

16 Maggio 2017

Mentre la politica siciliana pensa alle elezioni e nelle scorse settimane ha approvato una Finanziaria azzoppata, mandando tutte le questioni più spinose nel cosiddetto “collegato” che stenta a partire, c’è una vicenda di cui pare non freghi niente a nessuno: il palazzo.

No, non si tratta delle solite beghe dei corridoi, che tanto piacciono ai politici di casa nostra, più abituati alle trame interne ai loro partiti che agli interessi dei cittadini. Stiamo parlando del Palazzo dei Normanni.

Che la politica siciliana continui a servirsene quale sede dell’Ars è questione troppo lunga da affrontare qui, ma di certo c’è che chi si avvicina al Palazzo Reale – che fu Reggia e sede imperiale di Federico II di Svevia – trova una porta chiusa che fa a pugni con l’aver inserito Palermo (con il suo itinerario arabo-normanno) fra i beni del patrimonio Unesco: si tratta del portone principale del Palazzo, sbarrato e inaccessibile.

I politici, i funzionari e dirigenti dell’Ars, i collaboratori parlamentari e quanti si recano negli uffici dei gruppi parlamentari possono accedere nell’edificio da un ingresso laterale che dà sul piano principale, mentre i malcapitati turisti sono costretti a entrare nello storico palazzo dall’ingresso posteriore, quello situato su piazza Indipendenza.

Una situazione che dura praticamente da sempre e che pareva fosse sul finire. Eppure, nonostante le rassicurazioni, quel portone è ancora tristemente chiuso. Conseguenza: i politici continuano ad entrare dall’apertura che dà sul piano principale (o anche dall’ingresso di piazza Indipendenza, a loro la scelta è consentita), mentre i visitatori, come fossero intrusi, vengono fatti accomodare dal retro, così da non disturbare deputati e portaborse, impegnatissimi a risolvere i problemi dell’Isola.

La domanda è: per quanto ancora? Che cosa si aspetta a fare quello che in una città e in una regione normale dovrebbe essere naturale e cioè terminare i lavori e aprire finalmente il portone d’ingresso ai visitatori? Patrimonio dell’Umanità o della casta? Ce lo chiediamo e lo chiediamo agli onorevoli dell’Ars e in primis al suo presidente Giovanni Ardizzone.

 

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.