17 novembre 2017 - Ultimo aggiornamento alle 18.57
Messina Secondo le parole dei vicini i due litigavano spesso a causa della gelosia del ragazzo

Ylenia tenta di scagionare il fidanzato. “Non è stato lui”

9 gennaio 2017

Nuove rivelazioni sul caso della ragazza ustionata ieri a Messina potrebbero cambiare il contesto investigativo prodotto dagli agenti della squadra mobile. La vittima grida a gran voce nella stanza dell’ospedale dove è ricoverata: “Non so chi è stato, ma non è stato lui…“. Con queste parole Ylenia Grazia Bonavera difende l’ex fidanzato Alessio Mantineo, accusato di averle dato fuoco e che si è costituito alla polizia di Stato.

Dalla Questura di Messina si apprende che la giovane ha chiesto di essere ascoltata urgentemente dai magistrati titolari dell’inchiesta. Ma la Procura locale ritiene invece di avere prove e indizi a sufficienza per dimostrare la colpevolezza di Mantineo che è stato fermato per tentativo di omicidio pluriaggravato.

Secondo le parole dei vicini i due litigavano spesso a causa della gelosia del ragazzo. Uno dei vicini di casa racconta che “dopo che Ylenia lo ha lasciato lui cominciò a tempestarla di telefonate, a volte la implorava, altre volte la minacciava per tornare insieme, ma Ylenia ha resistito”. Anche le parole della madre lasciano pochi dubbi (“Vedevo Ylenia spesso piangere, le dicevo che non andava bene un ragazzo che la trattasse così, litigavano per qualsiasi cosa”) ma le rivelazioni della ragazza che scagionerebbe Alessio Mantineo spiazzano tutti. La 22enne è stata già sentita come parte lesa, adesso si faranno ulteriori verifiche e interrogatori.

Tag:
LiberiNobili di Laura Valenti
Una grande scoperta in neuroscienze: il fattore Mozart
Senza che ce ne rendiamo conto, la Scienza continua a evolvere, grazie a menti eccelse come quella di Vincenzo Galatro, docente, autore e ricercatore in Neuroscienze e Psicologia cognitiva, di fama internazionale, massimo esperto mondiale sul cervello di Mozart oltre che enfant prodige.
Il cielo di Paz di Mari Albanese
Me la sono cercata… Se rinascessi vorrei essere donna
Eppure questo pianeta non sembra amarci tanto. Non ci vogliono bene le politiche economiche che continuano a trattarci da “schiave”, il nostro lavoro continua ad essere sottopagato e nelle professioni più spiccatamente “maschili” abbiamo difficoltà ad affermarci.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...