16 gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 17.55
Messina Secondo le parole dei vicini i due litigavano spesso a causa della gelosia del ragazzo

Ylenia tenta di scagionare il fidanzato. “Non è stato lui”

9 gennaio 2017

Nuove rivelazioni sul caso della ragazza ustionata ieri a Messina potrebbero cambiare il contesto investigativo prodotto dagli agenti della squadra mobile. La vittima grida a gran voce nella stanza dell’ospedale dove è ricoverata: “Non so chi è stato, ma non è stato lui…“. Con queste parole Ylenia Grazia Bonavera difende l’ex fidanzato Alessio Mantineo, accusato di averle dato fuoco e che si è costituito alla polizia di Stato.

Dalla Questura di Messina si apprende che la giovane ha chiesto di essere ascoltata urgentemente dai magistrati titolari dell’inchiesta. Ma la Procura locale ritiene invece di avere prove e indizi a sufficienza per dimostrare la colpevolezza di Mantineo che è stato fermato per tentativo di omicidio pluriaggravato.

Secondo le parole dei vicini i due litigavano spesso a causa della gelosia del ragazzo. Uno dei vicini di casa racconta che “dopo che Ylenia lo ha lasciato lui cominciò a tempestarla di telefonate, a volte la implorava, altre volte la minacciava per tornare insieme, ma Ylenia ha resistito”. Anche le parole della madre lasciano pochi dubbi (“Vedevo Ylenia spesso piangere, le dicevo che non andava bene un ragazzo che la trattasse così, litigavano per qualsiasi cosa”) ma le rivelazioni della ragazza che scagionerebbe Alessio Mantineo spiazzano tutti. La 22enne è stata già sentita come parte lesa, adesso si faranno ulteriori verifiche e interrogatori.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Il Mercatino delle Idee Usate
Ho curiosità di vedere i nomi dei grandi statisti inseriti nei collegi bloccati. Quali sono queste persone d’indubbio spessore, contenuto e alta moralità di cui la patria non saprebbe fare a meno? Spiegatemi perché in questo paese dove non esiste la meritocrazia e perché dobbiamo essere sempre o “sudditi” o “tifosi”, ma mai “protagonisti”?
Blog di Rosario Gianni Leone
Liceo in quattro anni: i pro e i contro della sperimentazione
Lo scorso 29 dicembre, suscitando molte meno polemiche rispetto al momento della approvazione ministeriale dello scorso agosto, il Ministero dell'Istruzione ha pubblicato l'elenco delle scuole di II grado ammesse alla sperimentazione del liceo con un corso di soli quattro anni.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...