22 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.19
Messina

l'operazione della Polizia metropolitana

Reati ambientali a Messina: sequestrata un’area adibita a discarica di amianto lungo il torrente Pace | Foto

12 Marzo 2019
'
'
'
'
'
'

Prosegue senza sosta l’attività di prevenzione e repressione dei reati ambientali attuata dalla Polizia metropolitana di Messina, sotto la direzione del Comandante Colonnello Antonino Triolo.

La sezione Ambiente, su disposizione del Colonnello Triolo e coordinata dal sostituto Commissario Giovanni Ruggeri, ha accertato la presenza di rifiuti speciali pericolosi e di altro materiale lungo i margini ed all’interno dell’alveo del torrente Pace, nel tratto che conduce all’Oasi del Sorriso, nel territorio del Comune di Messina.

Gli agenti hanno rilevato estesi depositi di lastre di amianto anche frantumato e miscelato con materiale derivante da attività edilizia, pneumatici, parti di veicoli fuori uso, tubi di gomma, legname, suppellettili e materiale metallico riconducibile ad elettrodomestici.

La zona, gravemente degradata, è stata sottoposta a sequestro e delimitata per impedire l’accesso nell’area che, allo stato attuale, costituisce un grave pericolo per la salute pubblica.

Alle operazioni di sequestro ha assistito l’assessore ai Rifiuti e all’Ambiente del Comune di Messina, Dafne Musolino, che è stata nominata custode giudiziaria dell’area.

Gli atti sono stati trasmessi alla Procura della Repubblica di Messina che procederà ai successivi adempimenti di legge.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.