19 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 22.34

Record di spettatori: quasi in 20mila a Segesta per le Dionisiache 2019 | FOTO

13 Settembre 2019
'
'
'
Nicasio Anzelmo e Rossella Giglio

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Quasi 20mila spettatori, per un totale di 90 eventi tra spettacoli, concerti, notti bianche e albe, hanno premiato il Calatafimi Segesta festival Dionisiache edizione 2019, direzione artistica di Nicasio Anzelmo, giunto alla quinta edizione.

Si chiude, dunque, con un bilancio più che positivo: un successo nel successo, anche perché questa stagione, per la prima volta, è stata direttamente organizzata dal parco archeologico di Segesta che, grazie all’autonomia e alla professionalità e disponibilità del personale amministrativo, per valorizzare ulteriormente il sito, ha raddoppiato l’offerta aprendo alle visite serali e notturne anche la collina del tempio.

La collaborazione che si è creata tra il direttore artistico Nicasio Anzelmo e il direttore del Parco archeologico di Segesta, Rossella Giglio, ha dato un’impronta nuova e vivace al Festival che, per la cronaca, ha fatto registrare un record di spettatori in occasione della notte di San Lorenzo con “E lucean le stelle“, ospite la ricercatrice internazionale Violette Impellizzeri, per “Ulisse inside” con Salvo Piparo, per “La casa del fantasma – Mostellaria”, regia di Nicasio Anzelmo, per “Lysistrata”, regia di Valentina Ferrante e Micaela De Grandi, e per “Le parole note” con Giancarlo Giannini e il Marco Zurzolo Quartet.

“Grazie alla tante novità di quest’anno, alla qualità degli spettacoli teatrali, musicali, concerti e conferenze – spiega il direttore del Parco archeologico Rossella Giglio migliaia di persone hanno goduto di momenti fantastici, direi magici, con percorsi illuminati in totale sicurezza assicurata dal nostro personale di custodia implementato dai volontari, dai radioamatori, dai Vigili del fuoco, dalla Protezione civile, dalla Croce rossa, dalla pro loco di Calatafimi, che ringrazio perché hanno dimostrato le loro grandi capacità e professionalità. E’ stato possibile godere di Segesta – aggiunge Rossella Giglio – con tutta l’area archeologica aperta alla visita, anche di notte e per 4 notti bianche che preparavano agli spettacoli all’alba, da vent’anni caratteristica della stagione di Segesta. È stato uno spettacolo nello spettacolo, con il teatro fruito in tutta la sua magnificenza, il tempio illuminato e la collina come un grande giardino dove passeggiare con un calice di vino, il tutto è stato molto apprezzato da turisti, spettatori, visitatori, molti dei quali anche giovani”.

“Il Festival, nato nel lontano 1967, in questi ultimi cinque anni ha avuto una grande crescita sia per qualità degli spettacoli sia per numero di spettatori – osserva il direttore artistico Nicasio Anzelmo -. Dal 2015 ad oggi il Festival Dionisiache è diventato un punto di riferimento culturale per tutta la Sicilia occidentale. Siamo riusciti a posizionare le Dionisiache tra i maggiori festival di teatro estivo di tutta Italia e da tutta Italia ci arrivano proposte di collaborazione di grandi compagnie professioniste e di importanti enti pubblici. Un riconoscimento di grande importanza – sottolinea Anzelmo -. E i numeri ci confermano i risultati raggiunti con quasi 20mila presenze nel parco e qualche serata, promossa dal Parco, al Castello Eufemio e alla Circiara a Calatafimi Segesta. Gli spettatori hanno apprezzato la proposta culturale di grande qualità che ha saputo integrare la tradizionale stagione teatrale al teatro con la musica e le conferenze spettacolo realizzate sulla collina del tempio. Desidero ringraziare la gigantesca macchina che si muove giornalmente per gestire il Festival,  lo staff, la segreteria organizzativa, il personale del Parco archeologico di Segesta, il suo vulcanico direttore Rossella Giglio, le associazioni, il Comune di Calatafimi Segesta e Angela Gallaro che da sempre ci dona l’anima del festival realizzando per noi il manifesto ufficiale”, conclude Nicasio Anzelmo.

Ed è già aperto il cantiere per il cartellone delle Dionisiache 2020.

Infine, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio in programma sabato 21 e domenica 22 settembre, il Parco archeologico di Segesta aderirà all’iniziativa sabato, alle 11, con una presentazione del sito archeologico a cura del direttore Rossella Giglio, presso il piazzale d’ingresso, e con visita guidata gratuita domenica mattina, alle ore 10,30, a cura Associazione Guide Turistiche Trapani e Sicilia Occidentale.

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.