19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.56

I dati aggiornati

Reddito di cittadinanza, Sicilia al terzo posto per numero di richieste

12 Marzo 2019

La paventata rincorsa al reddito di cittadinanza in Sicilia potrebbe non avere gli esiti deflagranti ipotizzati, o comunque non riguarderebbe più gente rispetto alle altre regioni, anche del Nord. Almeno guardando i numeri. Riservano qualche sorpresa, infatti, i dati ufficiali diffusi sul sussidio.

In tutto il territorio nazionale, alla data dell’11 marzo 2019, risultano essere più di 141 mila le richieste per accedere alla misura del reddito di cittadinanza. Le rilevazioni sono quelle effettuate dal Ministero del Lavoro.

Dal 6 marzo sono 141.109 le domande presentate a Poste Italiane, di cui 21.073 online e 120.036 negli uffici postali. Le prime due regioni per numero di richieste sono la Campania con 18.832 e la Lombardia con 18.616.

Si classifica ‘soltanto’ al terzo posto la Sicilia, con 15.994. I dati raccolti dai sindacati isolani durante il primo giorno di richieste davano la Sicilia al primo posto. A seguire in questa speciale classifica, il Lazio con 13.367 e il Piemonte con 13.056

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.