13 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.23

l'impegno dell'assessore Bandiera

Regione, stop ai ghiri nei Nebrodi, liberati i rapaci per il riequilibrio

14 Agosto 2019

Al fine di contribuire a contrastare il fenomeno di proliferazione del ghiro nei comuni dei Nebrodi interessati dalla coltivazione del nocciolo, così come da impegno assunto, a seguito della richiesta dei rappresentati del territorio, nel territorio di Ucria, verranno liberati dei rapaci, in particolare allocchi, recuperati e curati nel Centro regionale di recupero fauna selvatica di Ficuzza. L’eccessiva proliferazione del ghiro è stata dovuta infatti al venir meno del naturale equilibrio biologico, causato anche dalla diminuzione dei rapaci, che oggi, con un piccolo contributo, andiamo a reinserire“, afferma l’assessore regionale per l’Agricoltura, Edy Bandiera, che aggiunge: “Vicini a produttori e residenti, continua il nostro impegno per la risoluzione di un’annosa questione a cui stiamo concretamente lavorando, fin dall’insediamento del Governo Musumeci. In linea con il Piano regionale redatto dall’Assessorato Agricoltura e che ha avuto il parere favorevole dall’Isprainfatti, e a seguito del monitoraggio disposto dalla Regione e curato dall’università degli Studi di Palermo – al fine di concorrere al ripristino dell’equilibrio biologico tra predatori e prede, é stata disposta la liberazione dei rapaci“.

Nella zona di liberazione dei rapaci, inoltre, verranno posizionate cassette nido al fine di facilitare, agli animali appena liberati, il ritrovamento dei luoghi idonei alla nidificazione e alla permanenza in quell’area.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.