26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.28
Palermo

In città per la presentazione del libro

Renzi a Palermo, Ingrassia (Uila Uil): “Forestali offesi dalle sue parole”

28 Febbraio 2019

I lavoratori forestali della Sicilia ‘ringraziano’ Matteo Renzi per le parole offensive utilizzate nel corso di un evento pubblico a Palermo” ad affermarlo Michelangelo Ingrassia, dell’esecutivo Territoriale Uila Uil di Palermo.

Renzi, come si apprende dalla stampa con articoli e video, ha definito il navigator come “forestale del terzo millennio” affermando che i due condividono il medesimo meccanismo assistenziale” prosegue Ingrassia.

Non sappiamo chi sia e a che serve il navigator, prodotto della normativa sul reddito di cittadinanza. Sappiamo invece chi sono i lavoratori forestali ogni volta che vediamo i complessi boscati dell’isola, ogni volta che viene spento un incendio, ogni volta che vengono impiegati contro il dissesto del territorio” aggiunge Ingrassia.

La questione forestale in Sicilia è molto complessa e articolata e non riguarda solo i numeri e i lavoratori ma anche chi dovrebbe progettare e realizzare i lavori, chi dovrebbe riformare funzioni e missioni visto che nel territorio siciliano ci sarebbe tanto da fare contro il dissesto e la desertificazione. Renzi ha usato un luogo comune. Quando capiremo che è proprio questa forma di luogocomunismo che alimenta i populismi?” conclude Michelangelo Ingrassia.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.