15 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.40
Palermo

Il magistrato è stato intervistato da Radio Cusano Campus

Scarcerare Riina? Sabella “lo Stato non è la mafia e non si vendica”

6 Giugno 2017

Riina? “Lo Stato non è la mafia, non si vendica e non fa ritorsioni. Il richiamo della Cassazione è sensato, abbiamo già perso un’occasione con Provenzano. Così rischiamo di perdere il 41 bis“. Lo afferma a Radio Cusano Campus il magistrato Alfonso Sabella, per molti anni in prima fila contro Cosa Nostra.

“Fui condannato a morte da Riina – ricorda Sabella – per l’arresto del figlio maggiore, Giovanni, che avevo arrestato e fatto condannare per vari omicidi che aveva commesso, tra cui uno strangolamento, cui lo aveva indotto lo zio Leoluca Bagarella, che doveva insegnare al ragazzo come si faceva, quale era la tradizione di famiglia. La questione proposta dalla Cassazione è molto seria e va affrontata con la testa, non con la pancia. Bisogna rispettare le leggi. La Cassazione non ha detto di scarcerare Riina, ha semplicemente detto che ciascuno ha diritto di morire con dignità e che bisogna valutare se la struttura penitenziaria sia in grado di assicurargli le cure necessarie. Non c’è niente di strano, è chiaro che siccome la cosa riguarda Riina si accendono i riflettori sul caso”.

“Ricordiamoci – prosegue il magistrato – che noi viviamo in un ordinamento civile, lo Stato non è la mafia, lo Stato non si vendica, non facciamo vendette tribali nè possiamo legittimare forme di tortura. Le pene, lo dice chiaramente la Costituzione, nell’articolo 27, non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità. La dichiarazione dei diritti dell’uomo dice che tutti gli esseri umani sono uguali in dignità e diritti e che nessun individuo deve essere sottoposto a tortura o a trattamento che lo privi dei diritti umani. Da Stato noi questi principi li dobbiamo applicare, è questo che ci differenzia dalla mafia e dalle organizzazioni criminali”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.