23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.38

Un centro culturale, di intrattenimento e ristorazione ispirato alla tradizione marinara

Rinasce la Tonnara dell’Orsa di Cinisi. Domenica 27 agosto l’inaugurazione

25 Agosto 2017

La Tonnara dell’Orsa di Cinisi torna al suo straordinario splendore. Sarà un centro culturale, di intrattenimento e ristorazione ispirato alla tradizione marinara e del territorio, nonché alla cucina tipica locale, prevalentemente a base di tonno e pesce. Un luogo ideale per visite guidate, serate, eventi e cerimonie. Al suo interno ospiterà un museo del mare e un lounge bar. Verrà inaugurata domenica 27 agosto alle 19.30. Dopo un aperitivo di benvenuto e i saluti del sindaco, Giangiacomo Palazzolo, i responsabili della società “Tonnara dell’Orsa”, che gestirà la struttura, presenteranno le attività e i servizi offerti. L’inaugurazione si chiuderà con il concerto di Daria Biancardi & The soul Caravan.

Durante la serata le cantine Sibiliana, Pietra Cava e Sallier de la tour Tasca D’Almerita faranno degustare i loro vini e un angolo sarà gestito dall’Associazione italiana sommelier. Inoltre saranno presenti la Cooperativa Rigenerazioni con i biscotti prodotti dai ragazzi del carcere Malaspina nell’ambito del progetto “cotti in fragranza” e un’associazione di Carini che si occupa di persone autistiche attraverso le attività della pesca e le tradizioni del mare.

Dopo anni di abbandono, iniziative di riqualificazione fallite e complessi vincoli burocratici che ne hanno ostacolato il recupero, finalmente rinasce uno dei luoghi più belli e suggestivi della Sicilia. L’incuria nella quale la Tonnara è stata lasciata per diversi anni appartiene ormai al passato, grazie all’impegno delle associazioni del luogo, dell’amministrazione comunale ed in particolare al progetto portato avanti dalla Cooperativa Ali (Ambiente legalità e intercultura) e dalla Blu Coop di Agrigento, che si sono aggiudicate il bando indetto dal Comune per la riqualificazione e l’affidamento del bene per 9 anni.

Un investimento sostanzioso che la società “Tonnara dell’Orsa” sta affrontando senza l’ausilio di finanziamenti pubblici e sostenendo un canone d’affitto annuale al Comune di 57.500 euro. Tutti i lavori sono stati eseguiti sotto l’occhio attento della Sovrintendenza, che ha rilasciato i visti ed i pareri necessari.

Il progetto di utilizzo rispecchia la natura eclettica del complesso monumentale sorto nel 1300 ed utilizzato nel corso dei secoli per diverse finalità: religiose, militari, imprenditoriali e sociali. Infatti, la Tonnara dell’Orsa nasce come una proprietà dell’Abbazia di S. Martino delle Scale. Successivamente, attraverso la fortificazione del baglio, venne utilizzata a scopi di difesa militare dalla Deputazione del Regno di Sicilia, funzione che non perderà fino alla seconda guerra mondiale. La torre faceva parte del sistema di “Torri costiere della Sicilia” quale sistema difensivo di avvistamento di naviglio. La struttura è stata anche porticciolo e centro di commercio, in particolare per formaggi e derrate agricole.

Da qui, quindi, l’idea di un utilizzo polivalente. Da una parte le attività di promozione delle tematiche ambientali, culturali e artistiche riabiliteranno il complesso per la sua comunità e saranno attrattive per turisti e visitatori, dall’altra faranno da moltiplicatori di economie per quanto riguarda lo sviluppo del settore turistico commerciale del territorio. Un modello capace di coniugare questi due aspetti, creando ricchezza e ricadute occupazionali.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.