22 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 08.30
Messina

assegnate anche 8 abitazioni a Fondo Fucile

Risanamento a Messina: l’impresa trasferisce al Comune i 46 alloggi di Camaro

10 Dicembre 2018

Il no del Governo allo stato di emergenza non ferma il Comune di Messina di mettere fine alla vergogna ultracentenaria delle baracche, e la Giunta De Luca compie un altro passo in avanti verso il risanamento delle aree periferiche. E’ stata effettuata oggi a Palazzo Zanca la consegna al vicesindaco Salvatore Mondello delle 46 unità immobiliari residenziali ERP, realizzate dallo IACP di Messina, con le annesse sei pertinenze e le relative chiavi d’accesso, insieme ai locali tecnologici e ai cancelli passo carraio e passo carrabile nell’ambito dei lavori per la costruzione di 46 alloggi e opere di urbanizzazione a Camaro Sotto Montagna ambito C del Comune di Messina.

La consegna tanto attesa è finalmente avvenuta, alla presenza del sindaco Cateno De Luca, e c’erano inoltre il presidente di Arisme, l’avvocato Marcello Scurria, insieme ai componenti del CdA Alessia Giorgianni e Giuseppe Aveni, il rup dello IACP di Messina Antonio Danzè e il funzionario del dipartimento Politiche della Casa Sebastiano Cardile, e l’amministratore unico dell’impresa Vima Costruzioni srl Antonino Randazzo.

Venerdì 14 dicembre si procederà alla scelta degli alloggi da parte degli aventi diritto secondo la graduatoria già stilata e sabato 15 alla consegna degli stessi direttamente in loco. “Abbiamo proceduto ad accelerare i tempi per come ci siamo impegnati – ha dichiarato il sindaco De Luca – l’assegnazione di questi 46 alloggi rientra nella strategia di accelerazione che comunque l’Amministrazione comunale, nonostante il mancato riconoscimento della dichiarazione dello stato di emergenza, sta portando avanti. La stessa situazione la stiamo definendo per quanto riguarda gli altri cinquanta alloggi dell’Annunziata. Riusciremo intanto a far passare il Natale nelle nuove case a 46 famiglie; per quanto riguarda l’Annunziata sicuramente l’iter si completerà entro gennaio”.

Oggi formalmente l’impresa ha consegnato le chiavi allo Iacp, che è l’ente attuatore – ha aggiunto il vicesindaco Mondello – e l’Iacp lo consegna al Comune di Messina che a strettissimo giro provvederà alla consegna degli alloggi. Finalmente si compie un primo passo importante. Le graduatorie sono già definite; quindi si tratta semplicemente di fornire le chiavi agli aventi diritto per poi procedere alla prima parte dello sbaraccamento, il che significa rendere inagibili le baracche che non saranno più utilizzabili”.

 “Altri 8 alloggiaggiunge il sindaco di Messina li abbiamo assegnati ad altrettante famiglie di Fondo Fucile. Sette alloggi si trovano nel complesso Rione Palmara di Via del Santo, e un alloggi si trova a Fondo Fucile”. 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

L’Urbanista e il Ghostwriter

Sono cinquant’anni che percorro le stesse strade nella stessa città e quello che da sempre mi salta in mente è la piena considerazione che non sono i fabbricati a cambiare, ma è la gente e soprattutto il loro modo di vivere.
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.