12 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.05
Palermo

primo giorno a petralia per i rosanero

Ritiro Palermo calcio, Mirri: “Voglio giocatori con mentalità vincente”

12 Agosto 2019

Ringrazio il comune di Petralia che ci sta ospitando. Sono sicuro e convinto che questo comune avvierà nel tempo, da questo inizio, opportunità di lavoro per i loro cittadini“. Lo ha detto il presidente del Palermo, Dario Mirri, nel corso della prima conferenza stampa nel ritiro dei rosanero a Petralia Sottana.

Io amo Petralia, pensate che è qui che mi sono sposato, e penso che la vera Sicilia, le radici della nostra Sicilia, siano proprio qui. Ecco perché ho desiderato che Petralia potesse essere la prima casa del Palermo. Adesso mi auguro che da questa opportunità la comunità di Petralia possa saper crescere e valorizzare il proprio territorio. Ringrazio il sindaco Orlando, che non mi ha mai fatto mancare il suo sostegno, lui rappresenta la città di Palermo e continuerà a rappresentarla. Orlando ha fatto tanto per Palermo e per il Palermo. Credo che nel nostro progetto abbia visto il desiderio di valorizzare il Palermo“.

Il neo presidente rosanero vuole portare avanti un progetto di “ali e radici, il calcio in Italia e’ un mondo fantastico, e poi dobbiamo rappresentare il sogno di chi vive di calcio“.

Grazie al sostegno della mia famiglia, di mio padre e di Tony Di Piazza abbiamo radici forti, e so già che tipo di eredità lascerò a chi un giorno mi susseguirà: un controllo della società – ha sottolineato Mirri – Un controllo da parte di terzi soggetti e sto parlando dei tifosi e di amministrazione comunale, che garantisca sviluppo al territorio. Noi tifosi vogliamo vincere tutte le partite, ma è chiaro che il Palermo entrerà in campo con 11 giocatori e troverà avversari con 11 giocatori, sara’ il campo poi a decretare il vincitore, ma voglio inculcare ai nostri giocatori la mentalità della vittoria“.

 

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.