23 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.55
Trapani

dal 26 luglio al 21 agosto

Ritorna a Palermo il “Gibellina PhotoRoad”, il festival tra finzione e realtà

21 Maggio 2019

Dopo il grande successo dello scorso anno, dal 26 luglio al 31 agosto 2019, torna la seconda edizione del Gibellina PhotoRoad, l’unico festival di fotografia open air e site-specific d’Italia.

L’evento è organizzato dall’associazione culturale On Image, in collaborazione con la fondazione Orestiadi e con il patrocinio del comune di Gibellina. Un’occasione da non perdere per poter ammirare alcuni fra i lavori più interessanti degli ultimi anni, presentati nello spazio urbano con visionari e innovativi allestimenti all’aperto, alla ricerca di nuove interazioni con il pubblico.

Durante le prime tre giornate, dal 26 al 28 luglio, la cittadina trapanese sarà animata da incontri, talk e proiezioni, curate da artisti di fama internazionale come Brian Mc Carty, Christian Lutz Morgane Denzler.

Il leitmotiv che accomuna tutte le opere di questa seconda edizione del festival è quello della Finzione. Una dialettica, quella tra realtà e finzione, che da sempre è il fondamento stesso di tutte le arti, come spiega Arianna Catania, direttore artistico del Gibellina PhotoRoad: “Tra tutte le arti – spiega – la fotografia è la prima a usare la realtà come irrinunciabile materia prima, eppure anch’essa, lo strumento tecnico nato per riprodurre gli occhi in perfetta copia, è una finzione. Si inserisce negli angoli più nascosti del tangibile per renderlo talmente vero da sembrare irreale”.

“D’altronde, chi l’ha detto che ciò che i nostri occhi vedono sia la realtà? La fotografia contemporanea, ormai molto lontana dall’essere considerata mera rappresentazione del reale, in questo è assoluta protagonista perché scompone la realtà: rielabora il passato immaginando il futuro, e crea tracce 
di un’anti-realtà, o meglio di mille realtà altre possibili, tutto vere e false allo stesso tempo”.

Il festival lancia, inoltre, due diversi concorsi:

Call for an open air installation, con un premio fino a 2.500 € per la produzione e installazione/mostra all’aperto che sarà presentata durante Gibellina PhotoRoad 2019.

Call for projects, che offre la possibilità di vincere: una residenza a Gibellina nel 2020, una mostra in collezione permanente presso la Fondazione Orestiadi nel 2020, una pubblicazione su YET magazine, una proiezione durante le giornate di apertura del festival e l’ingresso nella collezione permanente della Fondazione Orestiadi;

Il vincitore  sarà decretato da una giuria internazionale composta da: Joan Fontcuberta, Stefano Stoll, Laura Serani, Lorenza Bravetta, Elena Vaninetti e Arianna Catania.

È possibile inviare la propria candidatura entro il 10 giugno 2019.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.