12 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.20
Palermo

La Giunta Comunale ha approvato la delibera

Rivoluzione strade a Palermo: via Maqueda e corso Vittorio Emanuele interamente pedonali

12 Luglio 2019

La Giunta Comunale di Palermo ha approvato la delibera che statuisce la pedonalizzazione nel tratto di via Maqueda compreso tra le piazze Villena e Giulio Cesare e nel tratto di via Vittorio Emanuele compreso tra via Porto Salvo e piazza Villena oggi Ztl.

Un nuovo importante provvedimento – dichiarano il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando e l’assessore alla Mobilità, Giusto Cataniache è certamente pratico, ma che esprime il profondissimo cambiamento culturale della nostra città: oggi sono stati i residenti e i commercianti di queste vie a chiedere a gran voce la pedonalizzazione. Quegli stessi residenti e commercianti che 6 anni fa avevano annunciato – e, a volte, fatto – le barricate contro le pedonalizzazioni. Tutti hanno finalmente compreso come la vivibilità non sia soltanto utile per respirare meglio ma sia anche conveniente per creare e rafforzare condizioni economiche e di sviluppo“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.