19 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.52
Trapani

nella tappa di Buseto Palizzolo

Salto ostacoli: a Ernesto Vacirca il Trofeo Sicilia Gold

23 Settembre 2019

Con l’unico netto della categoria mista il catanese Ernesto Vacirca in sella a Filou vd Kruishoeve Z si è aggiudicato ieri, domenica 22 settembre, la prova più importante della tappa del Trofeo Sicilia Gold (h. 140) che si è svolta negli impianti del Centro Ippico Pietra dei Fiori di Buseto Palizzolo (TP). La prova messa a segno dal cavaliere del C.I. Valverde non ha consentito la disputa del barrage finale, considerato che nessun altro binomi è uscito dal campo con un percorso privo di errori.

Piazza d’onore ancora catanese grazie alla prova di Gabriele Carrabotta e Faluky. Il cavaliere del New Eagles ha conquistato il secondo posto con il più veloce percorso a 4 penalità: 72”41. Terzo Nicolò Russello (La Cuadra Asd) su Federer, anche lui con 4 penalità, ma con il tempo di 73”06.

È stato proprio Russello, ma in versione Cherablue Dh Z ad apporre la firma nella C130 del Trofeo Sicilia Gold. Per il cavaliere di Gela nessun errore e tempo di 34”06. Lo stesso cavaliere, ma in sella a Gentleman si è aggiudicato anche il terzo posto della gara (0/0; 36”98). Ad interrompere il dominio di Russello ci ha pensato il catanese Antonino Sottile (New Eagles), che in sella a Montana 674 è riuscito a frapporsi in seconda posizione nella prova senza errori agli ostacoli e con il tempo di 34”77.

Marianna Pia Bracchitta in sella a Olimpix è la leader della C120 a tempo, prova che mette in palio punti utili per il Trofeo Sicilia Gold. L’amazzone del C.I. Caccamo, che ha chiuso senza errori e con il più veloce tempo di 67”14, ha preceduto Carolina Cannizzaro (Il Ciliegio Asd) seconda su Lagerfeld 30 (0; 72”01) e Dario Cutrufo (La Quercia del Duca Asd) terzo in sella ad Adelaide di Boscochiaro (0; 72”84).

Nella giornata di sabato è stato ancora Nicolò Russello a ottenere un altro successo, ma questa volta nella prova più importante. La C140 a tempo. Ai suoi ordini Federer con il quale il cavaliere di gela ha concluso il suo percorso netto in 61”38. Il binomio composto da Vacirca e Filou ha messo a segno, invece, il secondo miglior tempo con un percorso netto: 62”36, che è valso la piazza d’onore della gara. Terzo il catanese de Il Ciliegio Dario Agosta in sella a Bandero di Villagana (0; 64”77).

Proprio Agosta, ma in sella a Viskann di Sabuci ha fatto sua la C130 a tempo tagliando il tradguardo in 56”97. Alle sue spalle la giovanissima catanese del C.I. Valverde Sveva Smiroldo si è aggiudicata la piazza d’onore della gara (0; 63”71), davanti all’altra etnea Ludovica Privitera (New Eagles), terza, su Corin Quinn (0; 65”54).

Ancora Bracchitta e Olimpix binomio dominatore incontrastato nella C120 mista del sabato. Per loro nuova vittoria con un doppio netto e il tempo, rimasto imbattuto, di 42”42. La piazza d’onore è del cavaliere di Castelvetrano, tesserato per l’Equilandia Onlus, Luciano Leone. In sella a Maxsum Leone ha chiuso sena errori e con il tempo di 45”99. Terzo posto per il palermitano Domenico Tripoli (Asd Onlus Happy Stable), che in sella a Cinquecento IX ha ultimato la sua gara con un doppio netto e il tempo di 47”41.

Il Trofeo Sicilia Gold torna sui campi dell’equitazione siciliana con la prossima tappa in programma all’ADIM di Augusta il 26 e 27 ottobre.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.