11 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.41
Catania

LE DICHIARAZIONI DEL VICEPREMIER

Salvini a Catania: “Ecco l’inciucio fra Renzi e i 5 Stelle: vogliono il Patto della poltrona”

11 Agosto 2019

Stanno cercando di siglare il Patto della poltrona. E’ uno squallore l’appello di Renzi ai cinque stelle“.

Così ha dichiarato il leader della Lega, Matteo Salvini, durante il suo intervento nel corso della conferenza stampa, svoltasi all’interno dei locali del Comune di Catania, relativamente agli ultimi sviluppi della crisi di Governo.

Salvini, in particolare, fa riferimento al patto più o meno segreto che è in atto in queste ore tra il Movimento 5 stelle, la componente del PD che fa capo a Matteo Renzi con la benedizione di settori di Forza Italia, contrari alle elezioni anticipate e favorevoli a un governo Conte bis, che possa garantire la prosecuzione della legislatura.

In queste ore – continua il ministro – c’e’ la certezza che qualcuno sta a lavorando a Roma per un’ammucchiata. Io dico no agli inciuci, la via maestra sono le elezioni“.

Il vice premier auspica elezioni e non nuovi governi tecnici: “Anche gli investitori me lo hanno detto: se si fa velocemente un governo che dia una prospettiva di governo per i prossimi 5 anni lo spread lo dimezzi. Quindi no ai governi tecnici che durano tre mesi“.

Ho chiesto un governo che abbia pieni poteri – continua  Salvini – ma molti si sono scandalizzati, io chiedo pieni poteri nei limiti della Costituzione. Ma chi e’ piu’ antidemocratico, uno che non vuole elezioni o uno che vuole elezioni? Il Paese Italia non puo’ perdere tempo, bisogna decidere subito“.

Il vice premier si sofferma sui mercati: “Anche gli investitori me lo hanno detto: se si fa velocemente un governo che dia una prospettiva di governo per i prossimi 5 anni lo spread lo dimezzi. Quindi no ai governi tecnici che durano tre mesi“.

Salvini ha poi chiosato sulle future alleanze politiche: “Vedrò sicuramente gli alleati del centrodestra a livello locale, visto che presto ci saranno alcune elezioni regionali, come in Umbria, Emilia Romagna o Calabria. In tutte le ultime elezioni regionali ha vinto un’idea di Italia che è quella…Io dico che se lanciamo dieci punti del programma per un governo che dura cinque anni dell’Italia del si, sulle tasse, sul lavoro, sulla giustizia, sull’autonomia, sulle grandi opere, sullo sviluppo, ovviamente lo apriamo a tutti. Non al Pd o Rifondazione comunista, ovviamente. Parleremo con coloro con cui già governiamo i Comuni e le Regioni da venticinque anni“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.