20 ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento alle 20.23
Messina Dopo il sì di Nino Beninati, "corteggia" Francesco Stagno d'Alcontres

Salvini punta sui moderati forzisti. Ecco i nomi in ballo a Messina

19 giugno 2017

Salvini“Proseguire nell’azione politica intrapresa ma al contempo dare anche un’anima più moderata al movimento anche in vista dei prossimi appuntamenti elettorali. È l’indicazione di Matteo Salvini che prova subito a metabolizzare il recente risultato delle Comunali Palermo e guarda alle Regionali di novembre ma anche alle Amministrative 2018.

E la strategia “salviniana” pare essere quella di provare ad avvicinare un elettorato di destra che guardi anche al centro, allargando cioè i ranghi del partito con esponenti politici di riconosciuta “anima moderata”. Salvini punta su alcuni ex esponenti di Forza Italia. La prima adesione eccellente è arrivata nelle scorse ore, nel corso di un vertice svoltosi a Patti con i responsabili regionali e nazionali del partito (alla presenza del coordinatore Angelo Attaguile) e con Salvini in collegamento telefonico: “Noi con Salvini” ha incassato nella circostanza l’adesione di Nino Beninati, che già da qualche tempo aveva dato disponibilità ad entrare in questa compagine politica e ha adesso ratificato il suo ingresso.

 

Francesco Stagno d'Alcontres
Francesco Stagno d’Alcontres

E sempre su Messina, dopo Beninati, Salvini sta provando a portare nel proprio movimento anche qualche altro nome di rilievo. In particolare sarebbe in atto un “corteggiamento” politico nei confronti dell’ex forzista, Francesco Stagno d’Alcontres, stimato chirurgo messinese già quattro volte deputato a suo tempo tra le fila del partito di Berlusconi. Poi il divorzio politico proprio dal Cavaliere e in questo momento chiamatosi fuori da uno scacchiere politico in cui non si identifica e per questo tornato ad impegnarsi a tempo pieno nella sua professione di medico chirurgo. D’Alcontres sta, in particolare, svolgendo l’impegno di docente presso il Dipartimento di Patologia Umana dell’adulto e dell’età evolutiva “Gaetano Barresi” dell’Università di Messina.

Salvini vorrebbe convincere Stagno D’Alcontres a “sposare” la causa politica del proprio gruppo, tenendo anche conto della storica amicizia che lo lega a Nino Beninati, e tra le ipotesi sul tavolo ci sarebbe anche quella di una possibile candidatura a sindaco per Stagno D’Alcontres alle Comunali di Messina nel 2018. Una prospettiva che al momento non decolla, perchè D’Alcontres potrebbe invece ricandidarsi alle Nazionali, non ha ancora preso una decisione e non vuole fare scelte affrettate. Il bivio di Stagno D’Alcontres, in ogni caso proiettato verso un ritorno alla politica, pare essere quello di un ritorno in campo per le Nazionali oppure la candidatura a Messina, che a più riprese gli è stata offerta in questi anni ma che ha sempre rifiutato.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Non mi appassiono
Perché non mi appassiono più alle vicende elettorali? Alla politica? In realtà non ho mai trovato grande trasporto per la materia... in passato mi sono cimentato con successo nelle competizioni, ma anche lì non ho nascosto un certo disagio...
LiberiNobili di Laura Valenti
La medicina è un’arte, non una garanzia
In media, si preferisce andare dal medico per qualunque questione di salute, dall’influenza alla schizofrenia, dalla sclerosi multipla alla sindrome di Tourette. Tuttavia non è una garanzia di cura né è detto che sia la migliore strategia.
Rosso di sera di Elio Sanfilippo
Vecchie e nuove povertà
Un fenomeno che contribuisce notevolmente alla disgregazione sociale e a insinuare un clima di insicurezza, di sfiducia e di rassegnazione.