12 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.44
Taormina

il leader della Lega in Sicilia

Salvini a Taormina: “Macché dittatore, elezioni subito”

11 Agosto 2019

“Macché dittatore, chiedo le elezioni…”. Lo dice il vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, a Taormina, rispondendo a una domanda sui “pieni poteri” che ha chiesto nei giorni scorsi agli italiani.

“I dittatori non vogliono le elezioni, io voglio le elezioni – ha aggiunto Salvini -. poi c’è una Costituzione che regola i poteri, io voglio un Governo stabile per cinque anni, non un esecutivo che litiga. Sono quelli che non vogliono le elezioni a non amare la democrazia. Più che chiedere le elezioni, più che dare la parola al popolo, più democratico di così cosa puoi volere dalla vita…”. 

“MAI COL PD”

“C’è il presidente della Repubblica Mattarella che ha in mano la situazione. Mi sembra chiaro che non c’e’ piu’ un governo, non c’è più una maggioranza. Se qualcuno crede che l’Italia possa essere governata per anni dall’accoppiata Renzi-Grillo auguri, forse è il caldo d’agosto… L’unica soluzione sincera, trasparente, concreta, efficace, democratica, è dare la parola agli italiani. Non capisco questo terrore di far votare gli italiani – ha proseguito –. Siamo in democrazia, dovrebbe essere la cosa più bella del mondo far votare i cittadini. E non penso che i cittadini voteranno un’accoppiata Renzi-Grillo, ma vediamo, facciamoglielo fare a ottobre. E’ il potere della poltrona, da Renzi me lo aspettavo, da Grillo un po’ meno…”. E sulle future alleanze ha aggiunto: “Sicuramente mai nella vita ci alleeremo con il Pd…”.

“CHI PERDE TEMPO VUOLE SOLO SALVARE POLTRONA”

Chi perde tempo in una situazione delicata come questa lo fa unicamente per salvare la poltrona, non ci sono scuse di manovre, responsabilità, Iva. Chi perde tempo danneggia l’Italia e salva la sua poltrona”. Salvini, poco prima di mezzogiorno, in costume da bagno, ha fatto il suo ingresso allo stabilimento balneare Caparena a Taormina.

Il ministro ha annunciato che si fermerà in Sicilia anche domani mattina per fare visita alla mamma dei bambini travolti da un Suv a Vittoria. “Sono stato sempre in contatto con lei – ha spiegato Salvini -, mi ha chiamato e andrò a farle visita da papà e non da ministro”.

salvini
Foto Ansa

Renzi, Boschi, Grillo, Fico ma dai, siamo seri... Ogni giorno che passa è un danno per l’Italia. Prima si fissa la data delle nuove elezioni, prima il popolo decide, prima nasce un nuovo parlamento e un nuovo Governo, prima si fa una manovra economica, prima l’Italia riparte”, ha aggiunto Salvini, per il quale “chi perde tempo tifa per l’aumento delle tasse e per il caos. Ditemi voi un Governo Renzi, Grillo, Boschi, Fico che cosa può fare per l’Italia e per gli italiani. Siamo seri, prima si vota meglio è”.

LA REPLICA A GRILLO

Salvini poi risponde così alle parole di Beppe Grillo che vuole “salvare l’Italia dai Barbari”: “L’Italia verrà salvata da 60 milioni di abitanti che voteranno a meno che qualcuno non pensi che l’Italia sia popolata da barbari. Però in democrazia la parola spetta al popolo”.

IL “SALVA CATANIA”

E ancora: “Oggi andrò a Catania e sono contento. Vi ricordate il Salva Roma? Noi della Lega abbiamo detto più volte no perché non c’era solo il Comune di Roma in difficoltà, ce n’erano tanti, c’era Catania, c’era Alessandria… Grazie alla nostra testardaggine il Salva Roma è diventato un aiuto a tanti Comuni italiani e quindi sono contento di avere salvato tanti stipendi al Comune di Catania”.

LA RISPOSTA A RICHARD GERE

A chi gli chiede di commentare le prese di posizioni dell’attore Richard Gere, Salvini ha risposto:Mettesse a disposizione i suoi milioni e le sue ville, risolveremmo i problemi di qualche italiano e di qualche siciliano. Prendere lezioni da questi fenomeni ultra milionari che arrivano da oltreoceano, spiegano agli italiani cosa devono fare dei loro soldi, è imbarazzante”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.