13 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.31

nuove regole per l'accreditamento dei servizi

Sanità, assistenza domiciliare: “Superato il vecchio modello con uno più efficace”

14 Giugno 2019

“La scelta adottata dall’Assessore alla Sanità, Ruggero Razza, di superare il modello seguito in passato nelle  procedure di espletamento delle gare per i servizi ADI – assistenza domiciliare integrata  – e di sposare il metodo dell’accreditamento risponde a criteri di efficienza ed efficacia e pone la Sicilia all’avanguardia nel panorama nazionale”: a dichiararlo sono Gaetano Mancini, Presidente di Confcooperative Sicilia, Giuseppe Milanese, Presidente di Confcooperative Sanità e Tino Cundari Presidente di Confcooperative Sanità Sicilia.

“L’esperienza delle gare al massimo ribasso fin qui adottata ha paradossalmente prodotto costi più elevati per la pubblica amministrazione, contenziosi lunghissimi con danni ulteriori e, soprattutto, ha spesso sacrificato le migliori scelte per il servizio agli utenti”.

“Si apre adesso una stagione nuova che, adottate le scelte in merito ai criteri di accreditamento, potrà mettere al centro i bisogni degli utenti che avranno la possibilità di scegliere in base alla qualità del servizio”.

“Si tratta di una riforma che assicurerà ai cittadini siciliani in condizione di fragilità e non autosufficienza, maggiori diritti, con servizi più accessibili e di maggiore qualità, garantendo quella continuità assistenziale fuori dall’ospedale che è il tallone d’Achille del nostro sistema”.

“Lo sviluppo del modello di accreditamento potrà quindi garantire qualità, continuità e semplificazione per gli assistiti; stabilità, crescita professionale, prospettiva per gli operatori; certezza delle regole, possibilità di crescita per le cooperative siciliane e ruolo di governo e possibilità di programmazione e controllo per le aziende sanitarie pubbliche”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.