10 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 21.12

LA NOTA DI Filippo Parrino e Giuseppe Fiolo

Sanità, Legacoop plaude l’assessore Razza: “Nuova pagina sulle cure domiciliari”

17 Giugno 2019

“Con una circolare firmata lo scorso 12 giugno dall’Assessore regionale alla Salute Ruggero Razza, si apre una pagina nuova sulle cure domiciliari e l’assistenza domiciliare Integrata (A.D.I.) in Sicilia.

Lo dicono il presidente di Legacoop Sicilia Filippo Parrino e Giuseppe Fiolo coordinatore Legacoopsociali Sicilia. “L’Assessore Razza, di cui dobbiamo apprezzare la grande determinazione e coerenza – continuano i dirigenti Legacoop – con l’emanazione di questa circolare (n° 8/12 giugno 2019) ha superato il sistema di attribuzione del servizio ADI attraverso bandi di gara che determinavano contenziosi, malumori e un sistema di precariato che impoveriva la qualità del servizio. Adesso si apre una nuova stagione grazie a un sistema di accreditamento istituzionale che fissa alcuni requisiti specifici a garanzia della qualità e della continuità del servizio”.

Secondo Legacoop la modifica del sistema darà risposta, da un lato, alle esigenze di razionalizzazione e di riqualificazione della spesa in ambito sanitario e sociale e, dall’altro, alla necessità di garantire servizi efficaci ed efficienti, uniformi su tutto il territorio regionale.

“Gli erogatori del servizio, quando non si tratti degli stessi enti pubblici – aggiungono Parrino e Fiolo – sono in maggior parte provenienti dal terzo settore e, in particolare dal mondo della cooperazione sociale. Fino ad ora questi soggetti sono entrati in rapporto con il Servizio pubblico attraverso il canale delle gare d’appalto che non hanno garantito il sistema di libera scelta dei servizi.  Questo cambiamento di sistema, da un lato risponde all’esigenze di dare seguito alle indicazioni del LEA, dall’altro consentirà di fornire efficacemente le risposte appropriate alle domande di salute dei cittadini in considerazione che aumenta l’età della popolazione e che vi è la richiesta sempre maggiore di rimanere al proprio domicilio. La modifica del sistema era una richiesta della cooperazione sociale da molto tempo e siamo lieti che sull’Isola adesso sia realtà”.

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.