21 ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento alle 01.23
Palermo Oltre 500 le richieste di prestazioni sanitarie

Sanità, niente più code per le prenotazioni. All’Ospedale Cervello “sbarca” WhatsApp

11 ottobre 2017

Oltre 500 richieste di prestazioni sanitarie inoltrate via WhatsApp dai cittadini nella prima settimana di apertura del servizio.

Piace molto il nuovo sistema per prenotare visite ed esami specialistici a Villa Sofia, Cervello e Cto a Palermo attraverso WhatsApp, l’applicazione di messaggistica gratuita per Smartphone, Iphone, Mac e Pc.

Sono state 554 le richieste allo sportello on line del Centro Unificato Prenotazioni (Cup) dell’Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti, diretta dal Commissario Maurizio Arico’.

Basta fotografare l’impegnativa del medico curante e inviarla attraverso WhatsApp a due recapiti telefonici. Per le prescrizioni urgenti (priorita’ U) o a “breve” (B), la foto con l’impegnativa del medico curante va inviata al 335 1062022.

Per le impegnative che invece prevedono la priorità differita (D) O programmata (P), la foto va inviata al 335 1060823.

Un operatore provvederà a contattare l’utente nel più breve tempo possibile. Sono escluse dall’invio attraverso WhatsApp le richieste per esami di Laboratorio che non necessitano di prenotazione: basta recarsi direttamente presso i laboratori del Cervello e di Villa Sofia; per le prestazioni radiologiche, altre modalità sono indicate nel sito dell’Azienda www.ospedaliriunitipalermo.it, alla finestra del Cup.

Con l’attivazione del servizio di prenotazione con WhatsApp, messo a punto dal Servizio informatico aziendale, sono state disabilitate le linee di fax 091 7808101 e 091 7804067.

I risultati della prima settimana – sottolinea il Commissario di Villa Sofia-Cervello Maurizio Aricò lasciano intendere che il nuovo servizio piace agli utenti. Una modalità  più  pratica e moderna che semplifica la prenotazione. Ancora una volta una sanità mica, più vicina allo stile di vita attuale di tutti noi“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Non mi appassiono
Perché non mi appassiono più alle vicende elettorali? Alla politica? In realtà non ho mai trovato grande trasporto per la materia... in passato mi sono cimentato con successo nelle competizioni, ma anche lì non ho nascosto un certo disagio...
LiberiNobili di Laura Valenti
La medicina è un’arte, non una garanzia
In media, si preferisce andare dal medico per qualunque questione di salute, dall’influenza alla schizofrenia, dalla sclerosi multipla alla sindrome di Tourette. Tuttavia non è una garanzia di cura né è detto che sia la migliore strategia.
Rosso di sera di Elio Sanfilippo
Vecchie e nuove povertà
Un fenomeno che contribuisce notevolmente alla disgregazione sociale e a insinuare un clima di insicurezza, di sfiducia e di rassegnazione.