19 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.22

Debacle del Pd, boom dei pentastellati

Sicilia, ecco tutti i candidati eletti negli uninominali e le percentuali dei partiti

5 Marzo 2018

Debacle del Pd, boom del M5s che fa l’assopigliatutto nei collegi uninominali (28 a 0) e sfiora il 50% nella circoscrizione Sicilia 2 alla Camera.

Un risultato invertito, se si pensa alle elezioni politiche del 2001, con il 61 a zero conquistato dal centrodestra, quando la coalizione capeggiata da Silvio Berlusconi ottenne tutti i collegi della quota uninominale: 20 al Senato e 41 alla Camera.

Di seguito i nomi dei senatori e dei deputati eletti nei collegi uninominali della Sicilia, che sono tutti pentastellati.

Senato: nel collegio di Palermo-Resuttana è eletto Steni Di Piazza, a Palermo-Bagheria Loredana Russo, nel collegio uninominale di Messina Grazia D’Angelo, nel collegio di Gela Pietro Lorefice, nel collegio di Marsala Franco Mollame, nel collegio di Agrigento Rino Marinello, ad Acireale Tiziana DragoNunzia Catalfo a Catania e Giuseppe Pisani a Siracusa.

Camera: nel collegio Palermo-Libertà Giorgio Trizzino, a Palermo-Resuttana Aldo Penna, a Palermo-Settecannoli Roberta Alaimo, a Palermo-Bagheria Vittoria Casa, a Messina Francesco D’Uva, a Barcellona Pozzo di Gotto Alessio Villarosa, a Catania Laura Paxia, ad Avola Maria Marzana, Giuseppe Chiazzese (detto Mongiovì) nel collegio di Monreale, Piera Aiello nel collegio di Marsala, Michele Sodano ad Agrigento, a Mazara del Vallo Vita Martinciglio, a Paternò Eugenio Saitta, Marialucia Lorefice a Ragusa, a Gela Dedalo Pignatone, Andrea Giarrizzo a Enna, Paolo Ficara a Siracusa, Simona Suriano a Misterbianco, Giulia Grillo ad Acireale.

Forza Italia perde rispetto alle scorse politiche, ma avanza rapportando i voti alle scorse regionali del 5 novembre scorso, successone della Lega e di Fratelli d’Italia che aumentano di molto la propria presenza nell’Isola.

Anche la sinistra di Liberi e uguali, se si fa un confronto con la lista Centopassi che ha appoggiato la candidatura di Claudio Fava alla presidenza della Regione, perde più del 2% (la lista Centopassi ottenne il 5,2%). Per la Camera hanno votato Leu 69.508 elettori mentre alle Regionali 100.583 votarono Cento passi. Al dato va affiancata la considerazione che per le regionali votò il 46,75% degli elettori ieri ha votato il 62,72%. E’ questo, in sintesi, il risultato delle urne per le politiche in Sicilia tenendo presente naturalmente che il sistema di voto è cambiato. Scarsissimi risultati per la Destra estrema, Forza nuova e Casapound, che insieme arrivano all’1%, Potere al popolo supera di poco lo 0,5%, mentre la lista del Popolo per la costituzione, di Antonio Ingroia e Giulietto Chiesa, non supera lo 0,1%.

Se si guardano le percentuali delle coalizioni rispetto alle elezioni del 2013 (il numero dei partiti è diminuito o aumentato così come sono cambiati alcuni simboli) alla Camera, Sicilia 1, il Centrodestra ottiene il 32,88 % contro il 30,7% del 2013 mentre il Centrosinistra il 12,70% contro il 21,3%. Alla Camera, Sicilia 2, il Centrodestra ottiene il 30,72% contro il 31,8 del 2013 mentre il Centrosinistra passa dal 21,5% del 2013 al 14,44%. Al Senato nel 2013 il Centrodestra ottenne il 33,4% e il Centrosinistra il 27,3%. Ora in Senato 1 il Centrodestra scende al 32,83% e il Centrosinistra al 13,21 mentre al Senato 2 il Centrodestra ottiene il 31,4% e il Centrosinistra il 14,5%.

Anche rispetto alle regionali del 5 novembre scorso i cambiamenti sono evidenti: il M5s aveva ottenuto il 26,7% (il candidato governatore Giancarlo Cancelleri il 34,65%), Alleanza per la Sicilia-Musumeci presidente-Fratelli d’Italia il 5,6%, Forza italia il 16,37% (il governatore eletto per il Centrodestra Nello Musumeci ottenne il 39,84%), il Pd il 13% e l’unione Pdr-Sicilia Futura-Psi-Micari presidente il 6% (il candidato governatore del Centrosinistra Fabrizio Micari ottenne il 18,65%), la lista di Sinistra Cento passi ebbe il 5,2% (Il candidato governatore Claudio Fava ottenne il 6,1%).

Nel collegio Sicilia 1 per la Camera il M5s col voto di ieri ottiene il 48,14% cioè circa il 14% in più delle Politiche del 2013 (34,5%), Forza Italia il 21,33 contro il 26,2% ottenuto dal Pdl nel 2013, la Lega il 5,22% contro lo 0,2%, Fratelli d’Italia il 3,60% contro l’1,3% , Noi con l’Italia- Udc il 2,99 contro il 2,7 del 2013, il Pd 10,38 perde più dell’8% (18,6 % nel 2013), +Europa 1,20%, Liberi Uguali il 3,12% (Sel ottenne il 2,1%).

In Sicilia 2 sempre per la Camera il M5s ottiene il 49,32% il 16,62% in più del 2013, Forza Italia il 20,38% cioè il 6,42% in meno del 2013 (era Pdl e ottenne il 26,8%), la Lega il 5,17% contro lo 0,2%, Fratelli d’Italia il 3,74% contro l’1,8%, Noi con l’Italia-Udc l’1,77% contro il 2,9%.  Il Pd l’11,97%, il 6,63% in meno del 2013 (ottenne il 18,6%) +Europa l’1,05, Liberi e Uguali il 2,59% (Sel ottenne il 2%).

Per il Senato, in Sicilia 1, il M5s ha ottenuto il 47,31%, Forza Italia il 21,25%, la Lega il 5,55 %, Fratelli d’Italia il 3,44, Noi con l’Italia-Udc il 2,71%, il Pd il 10.98%, +Europa l’1,22%, Liberi e Uguali il 3,31%. Nel collegio Sicilia 2 il M5s ha ottenuto il 48,88%, Forza Italia il 20,12%, la Lega il 5,35%, Fratelli d’Italia il 4,15%, Noi con l’Italia-Udc l’1,69%, il Pd il 12,16%, +Europa 1,06%, Liberi e Uguali il 2,58%.

Nel 2013 per il Senato il M5s ottenne il 29,5%, il Pdl il 26,4%, Fratelli d’Italia l’1,5%, la Lega lo 0,1%. Il Pd ottenne il 18,5% e la lista Il megafono Crocetta il 6,2%, Sel l’1,6%.

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.