16 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.08

Parla Daniela Guarneri di Revive

Sicilia. Start up innovative: “Siamo da due anni in attesa dei decreti attuativi” |VIDEO INTERVISTA

23 Maggio 2018

Guarda la videointervista in alto

Avrebbe dovuto finanziare e sostenere le start up innovative siciliane, ma da ben due anni si è ancora in attesa dei decreti attuativi. Si tratta della legge regionale n° 8 del 2016, che prevede l’erogazione di finanziamenti da 50 mila a 1 milione di euro ai soggetti richiedenti in possesso dei requisiti di ammissibilità. Requisiti che l’Assessorato alle attività produttive avrebbe dovuto determinare entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della stessa. Il termine però è scaduto da un pezzo.

Nel frattempo la cosa è finita nel dimenticatoio, tranne che per i potenziali destinatari del provvedimento che in esso vedevano un’importante opportunità per realizzare i propri progetti. Tra questi Daniela Guarneri, fondatrice di Revive, start up che opera nel campo della valorizzazione del patrimonio edilizio e culturale attraverso l’informatizzazione dei processi costruttivi e di recupero degli immobili.

Il caso di Revive è ancora più eclatante perchè proprio la scorsa settimana la società siciliana è stata chiamata a Bruxelles a rappresentare la Sicilia, come best practice, nell’ambito di un evento inserito nell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale senza tuttavia, come spiega Daniela Guarneri, ricevere nessun sostegno da parte della Regione Siciliana. “Ci siamo trovati assolutamente soli – ha detto – nel senso che rappresentavamo la Regione Siciliana però tutti gli oneri sono rimasti a carico della start up innovativa”.

Tag:

Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.