12 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.13
Siracusa

il sindaco non ha voluto incontrare il ministro

Siracusa, Gionfriddo ed Impelluso: “Il sindaco prima chiede incontro con Ministro Salvini, poi non si presenta”

14 Agosto 2019

Il sindaco Francesco Italia non accoglie il Ministro Matteo Salvini in visita alla Prefettura di Siracusa lo scorso fine settimana, nonostante il suo staff avesse richiesto ed annunciato la presenza.

Salvini e Gionfriddo

Ad intervenire sulla questione Massimo Gionfriddo responsabile organizzativo Lega Sicilia e Leandro Impelluso commissario provinciale che precisano:”Il sindaco Italia, troppo impegnato a fare inutili propagande, non ha ritenuto il Ministro Salvini degno di stringergli la mano, ha preso forse ordini dal Presidente del consiglio comunale grillino, pur di tenersi incollato la poltrona? Ne prendiamo atto! Sappiamo però che ha seguito con attenzione il comizio in diretta Facebook, ci auguriamo che abbia almeno imparato qualcosa di utile e speriamo che anche “le sacre pietre di una delle più  antiche testimonianze di tempio dorico d’occidente” non abbiano subito danni irreversibili!“, aggiungono Gionfriddo e Impelluso.

Nel suo intervento social il sindaco fa riferimento all’ennesimo episodio di razzismo avvenuto a Napoli, beh se proprio vogliamo generalizzare e fare riferimento a questo tipo di episodi, certamente da condannare senza riserve, potremmo rispondergli che, poche ore fa a Milano si è verificato l’ennesimo attentato alla vita di una poveretta aggredita da un extracomunitario senza alcun apparente motivo,ma su questo episodio vige il silenzio più assoluto“, proseguono.

Chissá, forse il sindaco è mancato all’incontro perché non desiderava avere con il Ministro uno scambio di vedute a proposito della sua teatrale sortita sulla Sea watch o della sua presenza in testa ad un gruppetto di bimbi mentre sorreggeva un cartello pro sindaco di Riace, o forse non voleva che si potesse sfiorare lo scottante tasto delle recenti indagini sui probabili brogli elettorali. O cosa altrettanto probabile, sarà stato impegnato nel suo studio, per rispondere alle infinite richieste dei suoi concittadini avviliti e delusi da questa amministrazione che definire fallimentare è un eufemismo!”, concludono Gionfriddo e Impelluso.

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.