23 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.20

Un primo piatto della tradizione contadina

Spaghetti tagliati, “pizziati”, con zucchine in umido | LA RICETTA

26 Agosto 2019

Cari i miei Watson, la vostra Patti Holmes, in una fase di grande bontà, soprattutto culinaria, non vuole farvi scervellare con indizi e indagini, ma coccolarvi con un primo piatto della saporita e genuina tradizione contadina, gli spaghetti tagliati con zucchine in umido, che vi riporterà alle origini.

Zucchina lungaProtagonista assoluta è la zucchina lunga, frutto di una pianta rampicante di cui si mangiano anche i Tenerumi, con cui si fa un’ottima pasta di cui abbiamo già scritto, che rispecchia l’infinità di modi in cui può essere cucinata con altrettanti nomi: cucuzza longa, cucozza, cucuzzella, zucca serpente di Sicilia, zucca verde, lagenaria da pergolazucchina d’acqua. La sua polpa è molto tenera e porosa; il suo colore è verde pallido ed è preferibile mangiarla quando è ancora giovane (40 cm. di lunghezza circa) perché, crescendo, rischia di diventare fibrosa e riempirsi, al suo interno, di semi. Altro particolare che vi farà felice è che l’apporto calorico è molto basso in quanto contiene acqua fino al 90%, pochi carboidrati, grassi e proteine e, quindi, potete farne grandi scorpacciate senza sensi di colpa. La sua forma è stretta e lunga e può arrivare fino a 2 metri ma, mentre nella coltivazione a pergola presenta una forma allungata, in quella a terra, una forma ricurva e a serpentello.

La si potrebbe definire un ortaggio estivo in quanto il suo periodo top va da giugno a settembre. La ricetta che vi proponiamo è tanto gustosa, quanto semplice e, oltre dai grandi, sarà amata dai più piccini che di solito, se potessero, con una magia farebbero scomparire le verdure dalla faccia della terra. Bando alle ciance e scaldiamo i fornelli.

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 g di spaghetti tagliati
  • 1 zucchina lunga
  • 300 g pomodoro pelato
  • 1 cipolla
  • olio
  • sale q.b
  • pepe o peperoncino

Procedimento:

1. In un tegame fate un soffritto di cipolla e, quando è appena rosolata, aggiungete la zucchina tagliata a dadini e i pomodori pelati a pezzettoni.

2. Aggiustate di sale, fate rosolare e coprite con acqua calda.

3. Quando vedrete sobbollire la zucchina, abbassate la fiamma e fate cuocere dolcemente.

4. Per capire se è pronta, dovrà risultare morbida, pungetene un tocchetto con la forchetta.

5. Cuocete gli spaghetti tagliati in acqua bollente salata e quando sono cotti, lasciandoli umidi, aggiungeteli al condimento e spolverizzate di pepe o peperoncino a piacimento.

6. Per completare, un filo di olio a crudo e, per chi lo ama, grana grattugiato.

Che il gusto sia con voi.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

L’Urbanista e il Ghostwriter

Sono cinquant’anni che percorro le stesse strade nella stessa città e quello che da sempre mi salta in mente è la piena considerazione che non sono i fabbricati a cambiare, ma è la gente e soprattutto il loro modo di vivere.
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.