23 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.20
Palermo

a dirlo il presidente della V circoscrizione

Strisce blu a pranzo, Teresi: “Non solo i parcheggi a pagamento il problema, altri i fatti altrettanto preoccupanti”

11 Settembre 2019

Continua la questione “strisce blu”, dalle 14 alle 16 abolita la fascia oraria gratuita, un pranzo amaro per tutti, soprattutto per chi lavora nelle zone blu.

L’abolizione della fascia gratuita è davvero il reale problema, o ci sono altri dettagli che non sono ancora stati considerati? – afferma Fabio Teresi, presidente della V circoscrizione di Palermo, che ha posto attenzione critica verso le difficoltà affrontate dai commercianti che lavorano nelle zone colpite dalle strisce blu: “stiamo focalizzando l’attenzione su un unico punto, ovvero quello dell’orario che può anche complicare la vita di tanti, ma non poniamo l’attenzione su fatti altrettanto preoccupanti. Dovremmo iniziare a rispettare l’ordinanza sul numero di strisce e parcheggi disponibili, ma soprattutto dobbiamo agire empaticamente nei confronti dei commercianti che si ritrovano a pagare una tassa di 35 euro in più al mese, rispetto la tassa ridotta per chi vive nella zona“, aggiunge Teresi.

Il Comune – continua Teresi – deve dimostrare che non ci troviamo di fronte ad una semplice questione economica e di “cassa”. La mia proposta consiste nel far pagare ai commercianti 35 euro non mensili, ma annuali (e con questo intendo anche commessi o tutti coloro che lavorano nelle zone blu). Ok, rispettiamo l’orario, ma non possiamo punire coloro che hanno un’attività, anche storiche“.

L’importante sembra dunque rimettere mano ad alcuni dettagli tralasciati, e portare i commercianti sulla stessa linea di equilibrio dei residenti“, conclude Teresi.

LEGGI ANCHE:

Palermo, strisce blu a pagamento anche a pranzo, Triolo (Lega): “Ancora una volta si mettono le mani nelle tasche dei cittadini”

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

L’Urbanista e il Ghostwriter

Sono cinquant’anni che percorro le stesse strade nella stessa città e quello che da sempre mi salta in mente è la piena considerazione che non sono i fabbricati a cambiare, ma è la gente e soprattutto il loro modo di vivere.
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.