20 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.57
Messina

Massimo Imbesi, amava i vulcani e l'avventura

Stromboli, identificata la vittima: è un giovane siciliano di 35 anni | FOTO

4 Luglio 2019
Foto Fb: Massimo Imbesi
Foto Fb: Massimo Imbesi
Foto Fb: Massimo Imbesi

SCORRI LE FOTO IN ALTO

È stata identificata la vittima dell’esplosione dello Stromboli di ieri: si tratta di un giovane 35enne di Milazzo, Massimo Imbesi. Era con un amico brasiliano che è rimasto ferito in maniera non grave.

“Finalmente il mare, di nuovo il mare… quello più conosciuto e familiare però, quello che preferisco, quello della Spiaggia di Ponente di Milazzo, quello di casa….”. Così Massimo Imbesi, allievo ufficiale di coperta, 35 anni, scriveva un anno su Facebook commentando la foto del proprio attestato conseguito come allievo ufficiale di coperta. Amava il mare e i vulcani.

La sua passione era Stromboli. “Ieri mattina – rivela uno degli abitanti di Ginostra, Gianluca Giuffrè – l’ho visto assieme a un amico, un sudamericano molto alto. Stavano andando a fare delle foto del vulcano. Non lo conoscevo bene, ma lo vedevo sempre passare per i sentieri di Ginostra per degli scatti che erano la sua passione”.

Il suo corpo è stato recuperato e portato a Milazzo, dove viveva. Lo ha disposto la magistratura che sta valutando se fare eseguire l’autopsia o se sarà sufficiente l’esame esterno del medico legale. Secondo quanto si è appreso, all’altezza del torace è stato rilevato un grosso ematoma che Imbesi forse si sarebbe procurato cadendo violentemente su spuntoni di pietra lavica che caratterizzano l’isola.

Eruzione Stromboli
Foto Twitter @VelvetMagIta

Caduta che potrebbe essere avvenuta mentre correva per mettersi in salvo o causata da intossicazione da fumo sviluppato dagli incendi. Maggiori particolari sulla dinamica potranno venire da un amico sudamericano che era con lui, che ieri sera era ancora sotto evidente stato di choc.

Sui social il cordoglio degli amici. “Ciao caro amico – scrive su Facebook Daniele Parisi – ancora non ci credo a questo destino così crudele! Condivido questo video per la stessa passione d’appartenenza di esplorare la natura del mare e della montagna a volte e spesso in maniera estrema. Il piacere di vivere con tanto rischio quelle sensazioni indescrivibili scoprendo la forza della natura. Avrei voluto un giorno anch’io salirci su quella vetta dello Stromboli e godere quel brivido d emozione che in pochi capiscono il piacere di avventura così superlativo. Invece adesso ho un brivido di dolore per la tua scomparsa. Il vulcano ti ha voluto con se, il Massimo lo ha voluto dare “iddu” questa volta! riposa in pace amico mio”.

“Massimo Imbesi, il trentacinquenne che amava il mare e la sua terra – racconta Donatella Ruggeri – non si era affatto avventurato sulla cima da solo come narrato; sulla cima si va solo con le guide. Stava percorrendo un basso sentiero che conduce a un osservatorio, sotto i 400m di altezza (Stromboli supera i 900). Un sentiero libero e sicuro. Non è stata imperizia, è stata semplice e bastarda sfortuna“.

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.