20 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.57

L'editoriale del direttore responsabile

Sul Cara di Mineo la procura di Catania dice la verità che altri occultano: “Un errore e va chiuso”

28 Gennaio 2019

Ci voleva la procura di Catania a dire schiettamente quello che altri in passato hanno fatto fatica ad ammettere e che ancora oggi non dicono. Che il Cara di Mineo è un “errore enorme” che il nostro Paese e il territorio pagano “in termini di controllo della legalità” (sono parole del capo della procura catanese).

Sì, perché il Cara (il più popoloso centro per richiedenti asilo d’Italia) oltre a soddisfare gli appetiti di amici e parenti di certi politici siciliani e locali, come attestato da diverse inchieste giornalistiche, e quelli di autorevoli politici nazionali (se ne parlò anche nell’inchiesta su “Mafia Capitale”), è anche una minaccia per la sicurezza del territorio. Al suo interno, infatti, era operativa un’organizzazione mafiosa che lo aveva eletto a proprio quartier generale.

Ma fino ad ora, nonostante sul Cara di Mineo si sia detto di tutto, gran parte del mondo politico ha fatto finta di non accorgersi del problema, voltandosi dall’altro lato o mettendo la testa sotto la sabbia. Per non parlare di ciò che accadeva fino a qualche tempo fa – tempi (passati) di politiche e fondi a pioggia che alimentavano spesso il business dell’accoglienza – quando c’era pure chi aveva affermato che il Centro per richiedenti asilo di Mineo fosse nientemeno che un modello da imitare.

E invece, le inchieste giudiziarie che si sono susseguite nel tempo, fino a quella odierna, mostrano una realtà ben diversa, che la procura di Catania (evidentemente mosca bianca in un oceano di silenzio) ha deciso di non occultare, con inchieste giudiziarie che oramai da tempo raccontano una realtà di degrado, criminalità e interessi vari.

“E’ sotto gli occhi di tutti – ha detto il procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro – che un Cara come quello di Mineo – che ospita un numero di persone così rilevante, che non può essere controllato, al quale accedono anche persone non autorizzate e consente di gestire i traffici illeciti – non può che essere un errore enorme che si paga in termini di controllo della legalità”.

Intanto, il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha annunciato di volere finalmente chiudere entro dicembre il Cara di Mineo. “Credo che l’esigenza di chiudere il Cara di Mineo – ha commentato il procuratore catanese -, così come funziona adesso, sia avvertita da tutte le forze politiche e indubbiamente il ministro dell’Interno recepisce una necessità che è quella che tutti noi avvertiamo”. Sul fatto che tutte le forze politiche siano d’accordo a chiudere il Cara qualche dubbio c’è rispetto all’ottimismo del procuratore, soprattutto se si pensa a quei settori della politica che, proprio grazie al Cara e al sistema nel quale s’inquadrava questo centro, hanno tessuto le proprie fortune.

LEGGI ANCHE

Mafia nigeriana: droga, riti sanguinari e stupri. Ecco cosa accadeva al Cara di Mineo

Cara di Mineo base per lo spaccio, blitz contro la mafia nigeriana: 19 fermi | Video

Le mani sul Cara di Mineo, la Procura chiede rinvio a giudizio. C’è anche Castiglione

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.