22 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.16
Palermo

Il 23 e 24 settembre

Teatro Ditirammu: per “Baglio di Vito” in scena Paride Benassai e Daniele Billitteri

21 Settembre 2017

Il prossimo weekend il piccolo Teatro Ditirammu, all’interno della rassegna “Baglio di Vito” 2017, presenterà al pubblico due appuntamenti.

Aprirà, sabato 23 alle 21,30, Paride Benassai con lo spettacolo “A Vito”, un racconto molto poetico.

L’omaggio al fondatore del piccolo teatro di Benassai è un canto d’amore sospeso tra cielo e terra, come buona parte di un teatro palermitano che ha raccontato la città da un punto di vista altro.

Sullo sfondo ci sono i vicoli, le trazzere, i bagli di Palermo mescolati ai ricordi e alle “abbanniate”.

Storie trasfigurate poeticamente, piccole scaglie di verità di un’anima che si accinge al trapasso da una vita ad una nuova vita, la Palermo dell’invisibile.

In scena con Benassai anche Rosellina Guzzo con la sua arpa, per un viaggio che è un incontro tra la musica e la vibrazione della parola. Un viaggio che parte dalla città colorata e passionale, popolare ed ironica, la città dei ricordi e della memoria, per approdare nella città bianca, quella metafisica e trascendentale, la città invisibile della vita oltre la vita.

Domenica, invece, alle 21:30, Daniele Billitteri racconterà i Tamuna.

Con loro, più che mai, è la somma che fa il totale, come diceva Totò. La storia del gruppo palermitano, vincitore tra l’altro del prestigioso Premio De André, è quella di quattro musicisti capaci di diventare la parte di un tutto, dove ciascuno mette del suo pur mantenendo il proprio stile.

Il gruppo è composto da Carlo “Charlie” Di Vita (chitarra solista), Giovanni Parrinello (percussioni, musica e testi in inglese), Marco Raccuglia (chitarra, testi e musica) e Riccardo Romano (basso e musica),  insieme dal 2013.

Lo spettacolo avrà la forma di una pièce teatrale in equilibrio tra parole e musica con il gruppo impegnato a offrire al pubblico una larga parte del proprio repertorio compresi “Gerlando” e “Femmina”, brani ispirati da due libri di Billitteri (Homo Panormitanus e Femina Panormitana), chiave di questa collaborazione.

I Tamuna, fortemente legati al Teatro Ditirammu, non fosse altro per la presenza nel gruppo di Giovanni Parrinello, percussionista ma anche figlio di Vito Parrinello, il fondatore del teatro insieme con la moglie Rosa Mistretta, non hanno mai tradito le loro radici e i frutti che sono germogliati vanno ben oltre la tradizione folkloristica

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Cosa vi sta capitando?

Il telefonino quale strumento “democratico” alla portata di tutti, dal Papa al migrante appena sbarcato. Ma credete veramente che chi muove le fila delle marionette potesse permettere la diffusione di “strumenti democratici” se non per altri fini che di democratico non hanno nulla?
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.