14 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.46
Palermo

Prima nazionale il 26 aprile

Teatro Sant’Eugenio: in scena “Teste di Moro”, prima pièce sull’omonima leggenda siciliana | VIDEO

23 Aprile 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO 

Debutta in prima nazionale, venerdì 26 aprile alle ore 21.15 al Teatro Sant’Eugenio di Palermo, “Teste di Moro” scritto da Lavinia Pupella e Mirko Ingrassia, per la regia di Luca D’Angelo.

È la prima volta che si vede a teatro una pièce ispirata alla famosa leggenda siciliana delle Teste di Moro che così narra.

Intorno all’anno Mille, una giovane siciliana, concupita e ingannata da un moro saraceno, scoprendo che questi famiglia avìa nel suo paese d’origine, presa da folle gelosia lo uccide e gli taglia la testa con una scimitarra; pone la testa del bel moro sul davanzale del suo balcone piantandoci sopra dei semi di basilico; la giovine ogni giorno innaffiava la pianta con le sue lacrime e il basilico cresceva rigoglioso tanto da suscitare la “mmìria” delle vicine che, a loro volt,a si fecero realizzare dei vasi in ceramica a forma di testa di moro.

Questa è una delle tante versioni della leggenda che riecheggia attorno ai famosi vasi.

Una donna innamorata che, tradita ed ingannata da un moro saraceno, trova nella vendetta la sua gloria e la sua stessa irreparabile follia; emotivamente strappata al senno, una donna in corto circuito incapace di sopportare la ferita della menzogna.

Teste di MoroAttorno alla fanciulla protagonista si susseguono e inseguono le vite degli altri personaggi che, inevitabilmente, ne determinano carattere e umore; gli autori strizzano l’occhio alla “théorie des climats” di Montesquieu secondo la quale ognuno di noi è influenzato dall’ambiente che lo circonda e dal suo stesso clima, e un’opera ambientata in Sicilia non può che generare personaggi  passionali ed ardenti .

Abbiamo dato al manoscritto un taglio quasi cinematografico, non potendo adeguare il susseguirsi della vicenda alle tre regole care ad Aristotele, pur mantenendo il rigore teatrale e lo scopo catartico dell’opera – sottolineano gli autori – Abbiamo preferito una scrittura contemporanea che vuole mantenere il garbo di quella antica, affidando innesti di dialetto siciliano a quei momenti in cui la storia rivela un rivolo di esuberanza”.

L’unicità di quest’opera sta proprio nel fatto che mai prima d’ora tale leggenda abbia avuto vita teatrale e gli autori hanno voluto darle il respiro che ritengono meriti.

Sul palcoscenico, oltre agli stessi autori che interpretano Clotilde Leonforte (la siciliana) e Jussef (il moro saraceno), anche Mario Pupella che riveste i panni dello spietato padre di lei, insieme a Daniela Pupella, Leonardo Campanella, Sandra Zerilli, Vincenzo Pepe, Massimiliano Sciascia, Paola Di Marco, Irene Enea, Enrica Garofalo, Francesco Grisafi e Francesco Russo. Con loro inoltre sette danzatori: Natalie Chifari, che cura le coreografie, Laura Melluso, Giulia Gulotta, Aurora Cottone, Sefora Sancarlo, Frida Bonafede e Giuseppe Caracappa.

Sono stato incuriosito dalla sua non convenzionale struttura drammaturgica e dalla sfida che ne poteva nascere in un sua eventuale messa in scena – dichiara il regista D’Angelo –  Anima e sangue connotano la storia in un gioco di specchi in cui i personaggi sorridono con un ghigno irriverente ad una realtà piuttosto amara e distorta che diviene fattuale nella continua ricerca della propria sopravvivenza, in un tempo oscuro pregno di cattiveria ed inganno. Il cinismo, a volte contornato da una pavida e cruda ironia, è emblema di un tempo passato, sempre più attuale, che in una veste dogmatica riporta all’immaginario di ognuno di noi un tempo vissuto in una realtà stereotipata all’interno del carillon della vita”.

Repliche il 27 Aprile (ore 21.15) e domenica 28 Aprile (ore 18.15); è necessario prenotare il biglietto (intero € 15) al botteghino del teatro dalle 17.00 alle 20.00 dal lunedì al venerdì. Informazioni e prenotazioni ai numeri 091.671.04.94 – 347.6567725.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Una Mattina Diversa

Carissimi, erano quasi le ore 20.00 quando al mio congestionato telefonino mi giunse una telefonata da un numero al quale non potevo non rispondere. La voce era quella del segretario particolare del segretario del grande capo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.