16 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.01
Palermo

nella qualità di azionista di minoranza

Terremoto alla Gesap, decade il CdA. Il comune di Cinisi chiede spiegazioni

21 Settembre 2019

Tre componenti su cinque lasciano l’incarico e il Consiglio di amministrazione decade. “Terremoto” alla Gesap, la società che gestisce l’aeroporto Falcone-Borsellino. L’amministratore delegato Giovanni Scalia e due consiglieri di amministrazione, Cleo Li Calzi e Domenico Cacciatore, hanno rassegnato il mandato in Gesap. Una decisione che ha fatto decadere l’interno Cda. Nessuna spiegazione ufficiale, ma da mesi si parla di tensioni nella compagine alla guida della società. Restano al loro posto presidente Tullio Giuffré e il suo vice Alessandro Albanese. Dovranno convocare un’assemblea dei soci che ratifichi le dimissioni e avviare il nuovo corso. Intanto, formalmente, il Cda rimane in piedi e non viene intaccata l’operatività dello scalo.

Il Comune di Cinisi, nella qualità di azionista di minoranza della Gesap, ha formalmente richiesto al presidente Giuffrè, la convocazione dell’Assemblea dei soci – fa sapere il sindaco Giangiacomo Palazzolo – per comprendere le ragioni che hanno indotto alle dimissioni l’amministratore delegato Scalia e i consiglieri Cacciatore e Li Calzi, comportando la decadenza dell’intero Cda. La notizia appresa a mezzo stampa, non anticipata formalmente agli azionisti, denota una grave situazione all’interno di Gesap i cui contenuti devono necessariamente essere chiariti in sede assembleare. Per il momento, il Comune di Cinisi si limita a prendere atto – anche per la modalità con cui si è arrivati alla decadenza del Cda – di una situazione grave – conclude il primo cittadino – che certamente danneggia la società, riservandosi di porre in essere tutte le azioni necessarie a tutelare i lavoratori e il patrimonio societario“.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.