17 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.13
Palermo

Tutti gli appuntamenti

Terzo weekend de “Le Vie dei Tesori” a Palermo: tante sorprese e novità | FOTO

18 Ottobre 2018
Scrivania e studio di Boris Giuliano
Quintetto Sikelios
Oratorio delle Dame
Monastero Santa Caterina
Banca D'italia (FOTO PETYX)
Oratorio delle dame

SCORRI LE FOTO IN ALTO

La scrivania su cui Boris Giuliano stette chino per giorni, a “studiare le carte”: il Capo della Mobile, ucciso nel 1979 da Leoluca Bagarella che gli sparò sette colpi alle spalle, era un grande investigatore, puntiglioso e attento. E amava passare ore nel suo studio per collegare minuziosamente uomini e fatti. La Polizia di Stato ha deciso di partecipare a Le Vie dei Tesori aprendo per la prima volta il chiostro ottocentesco della Questura (piazza della Vittoria) dove sarà ricostruito lo studio di Giuliano, con la sua scrivania, i faldoni e i fascicoli delle inchieste. Sullo sfondo, una sagoma del poliziotto in compagnia del figlio bambino. Un’operazione di grande valore civile, che entra di getto nel circuito del festival e a cui si potrà accedere – da domani, venerdì (19 ottobre) a domenica dalle 10 alle 15.

Ma questa sarà soltanto una delle sorprese di questo nuovo weekend palermitano che conta di superare ancora i suoi numeri già eccezionali: lo scorso fine settimana, infatti, nonostante il maltempo, sono stati oltre 52 mila i visitatori nei luoghi del festival che, sommati ai precedenti 36 mila, porta i primi dati a sfiorare le 90 mila presenze, a Palermo, negli stessi giorni in cui debuttano sia la città di Catania con 32 siti – dall’alto al basso, dagli sconosciuti camminamenti “aerei” delle monache alle terme romane, dalle collezioni universitarie ai palazzi barocchi – che un’edizione pilota nel Nord Italia: 30 luoghi spalmati tra Milano, Mantova e la Valtellina.

Banca D'italia (FOTO PETYX)
Banca D’italia (Foto PETYX)

Ma torniamo a Palermo e alle novità del weekend: apre i battenti su prenotazione l’imponente Banca d’Italia, il cui progetto – marcatamente Liberty – è firmato da uno degli allievi prediletti del Basile, Salvatore Caronia Roberti. La costruzione iniziò nel 1925 e terminò cinque anni dopo, giusto in tempo per la guerra. Rimase miracolosamente in piedi, anche quando una bomba inesplose si incastrò nel solaio e il 22 marzo 1943, all’esplosione della nave portamunizioni “Volta” ferma al porto, un’ancora, di diversi quintali, venne catapultata e colpì il palazzo. Che conserva ancora un bel mobilio Liberty, marmi pregiati e vetrate policrome, gli arredi originali realizzati dalle officine Ducrot e numerose opere d’arte. (visite venerdì dalle 15 alle 17.30, sabato e domenica dalle 10 alle 16.30, solo su prenotazione www.leviedeitesori.it)

santa caterinaGià sold out le visite su prenotazione allo straordinario monastero di clausura di Santa Caterina che circa sei mesi fa ha aperto al pubblico un’altra ala, le celle delle monache e le cucine. È facile immaginare percorrendo i lunghi corridoi, le suorine timide che nelle lunghe giornate estive cercavano refrigerio sui piccoli terrazzini abbelliti con qualche fiore. Una vita silenziosa, tutta preghiera e lavoro, tra ricami, uncinetto, studio e cucina, visto che le monache erano famose per i dolci di mandorla venduti attraverso una ruota. Oggi le suore domenicane non ci sono più, in compenso il monastero ospita una bellissima mostra sui preziosi arredi ritrovati. Ma se da un lato le visite al convento sono già tutte prenotate, dall’altro è disponibile alle visite la chiesa di santa Caterina: rococò, bellissima, un tripudio di stucchi dei Serpotta e marmi mischi, decorazioni ed affreschi, a cui nel ‘700 fu aggiunta la cupola e nel 1863, il coro. Sono ancora visibili le grate da cui le monache seguivano la messa senza essere viste. Sarà aperta sabato e domenica, dalle 10 alle 17.30 ma attenzione, si può entrare solo con visite singole (contributo di 2 euro) non con i coupon multipli.

Per chi vuole esplorare gli immediati dintorni, consigliamo di raggiungere la minuscola Chiesa dei Tre Re, altra novità di quest’anno, costruita nel 1578 da alcuni confratelli della Compagnia dei Tre Re, venditori di frutta secca, su  sulla preesistente chiesa di San Giorgio lo Xheri. La chiesetta ebbe alterne vicende, perse persino uno dei portali originali e si è vista sparire gli affreschi di Vito D’Anna con le storie dei Re Magi realizzati nel 1751; ma oggi rinasce dopo anni di abbandono.

Oratorio delle Dame
Oratorio delle Dame

Marmi mischi, affreschi, trompe l’oeil, stucchi, decorazioni: nell’oratorio delle Dame (o del Giardinello) si riunivano le nobili signore caritatevoli delle Dame dell’Aspettazione del Parto della Vergine, che esiste tuttora e si occupa ancora delle partorienti disagiate dell’Albergheria. L’oratorio è aperto solo questo weekend e il prossimo (venerdì e sabato, nel prossimo finesettimana anche la domenica) dalle 9 alle 12.30.

Un altro consiglio che Le Vie dei Tesori offre al suo pubblico: non perdete  gli incunaboli e le cinquecentine conservate, tra oltre centomila volumi, nella biblioteca dell’Istituto Gonzaga, fondato nel 1919 dalla Compagnia di Gesù. Da scoprire in questa occasione, la cappella dedicata a San Giuseppe negli anni Venti, e la biblioteca che conserva, tra i suoi 32 mila volumi del fondo moderno e i 24 mila del prezioso Fondo librario antico, la memoria storica della  Compagnia dì Gesù. Venerdì e sabato aperto dalle 10 alle 17.30, domenica dalle 10 alle 13.

manifesta
Mulino Sant’Antonino

Ultimo, ma non per importanza, ecco il silenzioso e poco sconosciuto (soprattutto ai palermitani) Mulino di Sant’Antonino nell’ex convento secentesco di Sant’Antonio da Padova, a pochi passi dalla stazione centrale che divenne “caserma della sussistenza” a fine Ottocento, dopo aver degnamente servito l’intero quartiere per secoli, e lo testimoniano i macchinari artigianali enormi, veri esempi di  archeologia industriale e dove è allestita una mostra curata da Maurizio Carta per Manifesta.

Domani sera, venerdì, dalle 19 si potrà anche partecipare a una delle gettonatissime “visite guidate d’autore seguita da una degustazione di olio Planeta. Su prenotazione su www.leviedeitesori.com. Contributo 7 euro. Sono anche da prenotare, a palazzo Asmundo, ogni sabato, le cene da “gattopardi” per sole 40 persone.

Restano chiusi, rispetto al programma, la cappella dei Falegnami (per un problema di infiltrazioni d’acqua), la chiesa degli Agonizzanti, l’Oratorio di Santa Maria La Savona tra i luoghi di Itinerario contemporaneo. Riapre il Miqveh ebraico ma solo su prenotazione; restano invece chiusi, solo per questo giro, le sorgenti del Gabriele, il giardino di Villa Tasca e, la domenica, Villa Whitaker. A Palazzo Sant’Elia è in corso la mostra sui cento capolavori dalle residenze imperiali russe: chi entra con i coupon de le Vie dei Tesori, otterrà un biglietto ridotto per l’esposizione.

DICIOTTO LUOGHI SU PRENOTAZIONE.

Difficile ormai trovare posto, soprattutto in alcuni siti: oltre al Monastero, è sold out dalla prima ora, il carcere Ucciardone. Si riesce a partecipare al secondo itinerario dentro l’aeroporto di Boccadifalco, ma non ci sono più posti per le visite aeree sul Piper; aperti la catacomba di San Michele Arcangelo, sotto Casa Professa, dove nicchie e cappelle raccontano storie inverosimili; Palazzo Branciforte con il suo Monte di Pietà restaurato da Gae Aulenti; Palazzo Utveggio, nel cuore elegante della città, disegnato dal Basile; la collezione di ceramiche Athena (solo sabato dalle 16 alle 18); lo Stand Florio (solo domenica), i depositi della GAM (sabato e domenica, mattina e pomeriggio); il Grand Hotel Piazza Borsa (solo la domenica, dalle 10,45 alle 17,30), la fabbrica di Anice Tutone (sabato e domenica).

LE NOTE PER SALVARE L’AFFRESCO.

Dopo Mosca, Catania, Ragusa Ibla e Parigi, il “Grand Tour” del quintetto Sikelikos tocca Palermo. Con un intento sociale: il ricavato dai biglietti (costo 10 euro), sarà utilizzato per il restauro dell’affresco di Santa Rosalia, all’interno della chiesa del Santissimo Salvatore, dove si svolgerà il concerto, sabato (20 ottobre) alle 21. I quintetto è nato in seno al Teatro Massimo Bellini di Catania ed è composto da Alessandro Cortese e Antonio D’Amico ai violini, Aldo Randazzo alla viola, Gerardo Maida al violoncello e Giuseppe Giacalone al contrabbasso. Brani tratti dai diari dei più famosi viaggiatori del Grand Tour, ovvero ispirati agli appunti di Goethe, Maupassant, Dumas, Brydone e Vullier, interpretati da Valentina Ferrante sulle musiche di  Marinuzzi, Laporte, Eliodoro Sollima, Casella, Mascagni e Musumeci.

ITINERARIO CONTEMPORANEO.

L’Itinerario Contemporaneo, curato da Paola Nicita, si arricchisce della nuova mostra diMinimum Studio: saggi e romanzi sull’amore che raccontano “I Never Promised You a Rose Garden. Archipelago”, collettiva che racchiude installazioni, testi e opere di Ange Leccia,  Brian Kuan Woo, Dora García, Jean-Philippe Toussaint, Joanne McNeil, Jocelyn Allen, Leah Clements; Lee Mckinnon; Minna Pöllänen. A cura di Magali Avezou e archipelago project. Tra gli altri quattro siti, si possono visitare  i Magazzini di Tessuti Parlato con un progetto  di Isabella Ducrot; dalle 18 alle 22, i tre piani più il sotterraneo diPalazzo Oneto di Sperlinga, con i giovani studenti dell’Accademia di Belle Arti, e le opere degli ospiti della Casa Terapeutica assistita (CTA) Karol che si occupa di pazienti psichiatrici. Casa Spazio accoglie le proposte dei colleghi marchigiani di Casa Sponge e Le Mosche continua nelle sue “indagini”.

LE PASSEGGIATE.

Questo weekend le passeggiate de Le Vie dei Tesori scopriranno gli immediati dintorni della città: dalla Moarda, le colline a sud, verso il bacino del fiume Oreto, al santuario di Montepellegrino, a grotta Conza, alle pendici di Monte Gallo. Per chi invece vuol restare in città, può dedicarsi alle statue di piazza della Vergogna (raccontate ad una ad una) oppure al vecchio corso del Papireto… le passeggiate sono tutte sabato e domenica, si prenotano sul sito www.leviedeitesori.it

KIDS… con la family card.

Se si hanno dei bambini, allora si deve avere la family card, che si acquista in tutti gli hub, ma anche online e nei cinque luoghi – chiesa dell’Origlione, Palazzo Asmundo, Teatro Biondo, Archivio comunale ed ex Mulino di Sant’Antonino – dedicati alle famiglie. La card non segue un circuito obbligatorio e non scade, ognuno può seguire l’itinerario che decide e spezzettarla nei tre weekend ancora a disposizione. I luoghi chiudono alle 18, tranne il Teatro Biondo che serra le porte alle 15. Nelle piazze Castelnuovo, Marina, Bellini e Verdi, ci saranno 4 gazebo dove bambini e ragazzi potranno partecipare a laboratori su Teatro dei Pupi, palazzi del ‘700, la scuola dei Serpotta e le maioliche.

Le Vie dei Tesori è la più grande manifestazione dedicata alla promozione del patrimonio culturale della città, sotto l’egida delle più alte istituzioni dello Stato (Presidenza della Repubblica, Camera, Senato, ministero dei Beni Culturali). Quest’anno il Festival è inserito nelle manifestazioni a massimo richiamo turistico dell’assessorato regionale al Turismo, è direttamente promosso dell’assessorato regionale ai Beni culturali, incluso nelle manifestazioni dell’Anno europeo del Patrimonio e nel programma ufficiale di Palermo Capitale Italiana della Cultura.

 

Le foto dei siti de Le Vie dei Tesori sono state realizzate da Igor Petyx

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.