12 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 14.29

Lo chiede Franco Busalacchi

Trema la nuova Ars, chiesto l’annullamento delle Regionali

29 Dicembre 2017

“Annullare integralmente le operazioni elettorali e, in via subordinata, annullare gli atti di proclamazione dei risultati dell’elezione diretta del Presidente della Regione siciliana e dei Deputati dell’Assemblea Regionale Siciliana”.

Questo l’incipit del ricorso, che dovrebbe – secondo le intenzioni dei proponenti – far saltare le elezioni regionali siciliane che hanno visto la vittoria del centrodestra e l’elezione a governatore di Nello Musumeci. I ricorrenti chiedono di rifare la consultazione elettorale.

A chiederlo ai giudici del Tar è Franco Busalacchi, leader del movimento ‘I Nuovi Vespri’, in un corposo ricorso appena depositato attraverso il suo legale, Lillo Massimiliano Musso.

Nel documento, di oltre 30 pagine, vengono esposte, “con dovizia di particolari, collegio per collegio e lista per lista, tutte le anomalie che hanno caratterizzato le operazioni pre e post elettorali”.

“Ragioni di fatto e di diritto che verranno illustrate dettagliatamente nel corso di una conferenza stampa che si svolgerà  subito dopo le festività”, si legge in una nota del Movimento.

Per la cronaca, Busalacchi e il suo movimento erano stati esclusi dalla consultazione elettorale regionale e lo stesso ex candidato alla presidenza aveva, quindi, annunciato la propria intenzione di votare per l’esponente dei 5Stelle Giancarlo Cancelleri.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.