20 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.44
Palermo

INTANTO LA TALPA È A SOLI 2 METRI DAL TRAGUARDO

Treni Palermo-Punta Raisi, appuntamento rinviato: ecco la nuova data | FOTO

14 Settembre 2018
'
Galleria Notarbartolo TBM Marisol, Passante Fs, 25.03.2018 [Cifi Palermo]
'
'
Galleria Notarbartolo Passante Fs, 25.03.2018 [Cifi Palermo]
'
'
Cantiere Notarbartolo, conci
'
Testa della Tbm "Marisol"
'
Cabina di comando Talpa TBM "Marisol"
Santa Barbara, protettrice degli edili
Coda della Tbm "Marisol"
'
Galleria Notarbartolo-Belgio
La talpa Tbm "Marisol" a Notarbartolo (18.06.2016) © D. G.

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Alla fine è saltata l’inaugurazione della nuova tratta ferroviaria da Palermo all’aeroporto di Punta Raisi. Il 14 settembre era prevista la prima corsa, come preannunciato su Facebook dall’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone. Ma l’annuncio in pompa magna si è rivelato un clamoroso autogol per le Ferrovie.

Rfi e Trenitalia, in verità, erano praticamente pronte. Ma lo stop imposto dalla Prefettura per aggiornare il per il “Piano di Sicurezza” delle gallerie ha fatto rinviare tutto alla prossima settimana. Con la necessità di introdurre dei bus sostitutivi.

Adesso che il Prefetto ha dato l’ok al nuovo Piano (aggiornato a tempo record), si attende solo l’ok definitivo dell’ANSF (Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie).

Secondo indiscrezioni, lunedì è previsto l’ultimo test dei vigili del fuoco; poi, salvo nuovi imprevisti, arriverà l’ok entro il 19 settembre. Per quella data infatti si ipotizza il nuovo via libera.

Le Ferrovie infatti vorrebbero far coincidere la prima corsa con un altro momento tanto atteso: l’abbattimento dell’ultimo diaframma della nuova galleria Notarbartolo-Belgio, scavata con la talpa Tbm “Marisol (vedi le foto in alto). Una cerimonia sicuramente emozionante per gli addetti ai lavori.

Talpa TBM "Marisol"
Coda della Tbm “Marisol”

La fresa ha un diametro di 9,40 metri, è lunga 130 metri e pesa 1.200 tonnellate. È avanzata “a vuoto” rivestendo i primi 150 metri di galleria con scavo tradizionale, e poi con scavo meccanizzato per i successivi 2 Km. La galleria è stata rivestita con dei “conci” prefabbricati in calcestruzzo armato, «realizzati a Potenza. Ogni “anello” di tunnel è composto da 7 conci». Ne sono stati installati finora oltre 1.400.

Da RFI, anche se manca ancora la nota ufficiale, si sbilanciano ai microfoni de ilSicilia.it: «Noi siamo pronti. La mattina del 19 settembre procederemo ad abbattere l’ultimo diaframma. Speriamo di festeggiare doppiamente con l’apertura della linea Palermo-Punta Raisi. Il costo del biglietto per l’aeroporto sarà di € 5,90».

Dopo 3 anni di stop, si rivedranno finalmente i treni, anche se non fermeranno a Capaci. Il contenzioso con Sis infatti ha determinato una rivisitazione del progetto: le fermate “Belgio” e “Kennedy-Capaci” non saranno attivate per il momento. Da qui le proteste dei capacioti. Stralciata dal contratto anche la fermata “Lazio”, che sarà riappaltata. Ancora incerto il futuro per “Giustizia-Imera” (per via del famoso tappo di vicolo Bernava).

In basso l’immagine di “Palermo in Progress” da cui si vede il pozzo di estrazione da cui uscirà la talpa TBM, a due passi dal ponte di via Belgio. Si vedono gli operai della SIS intenti alla realizzazione della “sella” su cui poggerà “Marisol“, ormai arrivata a soli 2 metri dal traguardo.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.