18 febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 16.10
Palermo

Grazie ad un "colorante" si scoprono le metastasi

Tumori: al Giglio di Cefalù scoperta tecnica operatoria innovativa

13 febbraio 2018

Eseguiti alla Fondazione Giglio di Cefalù i primi 5 interventi di asportazione di tumori al fegato per via laparoscopica con l’innovativa tecnica della fluorescenza o del verde di indocianina (ICG).

L’indocianina è una sostanza, innocua per l’organismo, che viene iniettata al paziente 24 ore prima dell’intervento e consente di identificare nel fegato, con precisione, il tumore.

“La resezione epatica, grazie a un’apposita apparecchiatura – spiega il responsabile della chirurgia del Giglio di Cefalù, Marcello Spampinato – viene guidata dalla ‘fluorescenza’ e l’asportazione del tumore viene completata evitando di lasciarne residui, soprattutto in prossimità dei margini di resezione. La indocianina passa attraverso i tessuti del corpo e viene trattenuta solo nell’area attorno al tumore primitivo o alle metastasi”.

IndocianinaUno straordinario passo avanti nella lotta ai tumori del fegato – afferma il direttore generale Vittorio Virgilioche vede l’ospedale di Cefalù sempre più qualificato nella vocazione oncologica e protagonista nell’acquisizione di tecnologie e tecniche all’avanguardia”.

“Il colorante utilizzato – tiene a sottolineare Spampinato – permette ai chirurghi di scoprire anche piccole metastasi non visibili a Tc e risonanza magnetica preoperatorie. Siamo una delle prime equipe chirurgiche in Italia ad utilizzare questa recentissima innovazione tecnologica sul fegato”.

I casi eseguiti al Giglio di Cefalù saranno presentati al congresso mondiale di chirurgia epato-bilio-pacreatica che si terrà a Ginevra, in Svizzera, a settembre 2018. “L’unità operativa complessa di chirurgia generale della Fondazione Giglio si colloca così nel panorama nazionale ed internazionale di eccellenza in chirurgia epato-bilio-pancreatica”.

Tag:
Rosso di sera di Elio Sanfilippo
Ricordo di Bettino Craxi
L’anniversario della scomparsa di Bettino Craxi, avvenuto la scorsa settimana, non ha avuto alcun momento significativo nel ricordare una personalità rilevante che, senza nascondere errori e contraddizioni, fu protagonista importante dell’ultima fase di quella che viene definita comunemente la Prima Repubblica, segnata, peraltro, da avvenimenti drammatici.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...